READING

Ericka Beckman alla Kestner Gesellschaft

Ericka Beckman alla Kestner Gesellschaft

Fin dagli anni Ottanta, Ericka Beckman (New York, 1951, vive a New York) è stata considerata una pioniera nell’uso del video inteso come rielaborazione elettronica e interazione virtuale, tanto è vero che un articolo su questa autrice è stato pubblicato già nel n 41/apr 1989 di Juliet art magazine, a firma di Heiner Nine.

La mostra “Fair Game”alla Kestner Gesellschaft presenta l’installazione multimediale animata “Nanotech Players” (1989) e due film che hanno un ruolo centrale nel suo lavoro: “Nanotech Players” (1983) e la sua ultima fatica, “Reach Capacity” (2020), che sarà proiettato per la prima volta in Germania.

Questi due documenti degli anni Ottanta, pur a tanti anni di distanza, parlano di un argomento attuale, quale l’uso del gioco come mezzo per aggirare le strutture e i sistemi di controllo della società capitalista e patriarcale.

La realizzazione di “You the Better” si basa sull’estetica visiva e musicale di un programma per bambini a basso costo degli anni Ottanta e fonde lo spirito di competizione dello sport con il gioco d’azzardo. Per la maggior parte del film, un gruppo di giocatori in uniforme gioca e si muove in una stanza nera secondo regole poco chiare. L’avversario è il capitale spersonalizzato che continuamente supera in astuzia i giocatori. In questo modo, le strategie vincenti diventano rapidamente strategie perdenti. Alla fine, sorgono due domande: chi ha vinto la partita per primo? un sistema dominante può essere superato in astuzia?

L’installazione video-performativa “Reach Capacity” è stata realizzata in due parti, nel 2019 e nel 2020, come reazione all’esplosione del mercato immobiliare di New York, e a seguito del quale l’autrice ha dovuto lasciare il suo appartamento di Lower Manhattan perché è stato demolito per un progetto di speculazione edilizia. Nella prima parte del film, la febbre dell’edilizia sembra essere inarrestabile. I commercianti in tute blu investono costantemente in nuovi edifici. Nella seconda parte del film, lo schermo si inclina di 180 gradi. L’attenzione ora è sui lavoratori che ostacolano il gioco capitalista e alla fine lo trasformano in giustizia sociale.

Durante la sua fase di ricerca e definizione della struttura di “Reach Capacity” Beckman si è immersa nella storia di quello che è probabilmente il gioco da tavolo più famoso: Monopoly. Ma un gioco è un gioco, mentre la vita reale delle persone è tutt’altra cosa e nella vita reale entrano in gioco gli equilibri familiari e sociali, gli attriti e le rivalse, la possibilità del fallimento, di ammalarsi, di perdere qualsiasi credito, il tutto per una insana ingordigia o per una ottusa volontà di sopraffazione.

Le opere di Ericka Beckman si possono trovare negli archivi di tutto il mondo, tra cui ricordiamo: Anthology Film Archives, New York; L’ampio, Los Angeles; Centre Pompidou, Parigi; British Film Institute, Londra; Wexner Center for the Arts, Columbus; Whitney Museum of American Art, New York; Kunsthalle Berna; Metropolitan Museum, New York; Walker Art Center, Minneapolis; MoMa, New York.

La mostra, curata da Julika Bosch, è stata realizzata in collaborazione con il M Museum di Lovanio, in Belgio. Il catalogo è prodotto da Mousse Publishing, con testi di Marie de Brugerolle, Valerie Verhack e Marc Cutler.

Bruno Sain

Info:

Ericka Beckman, Fair Game
12/09/2021 – 9/01/2022
Kestner Gesellschaft
 Goseriede
11
30159 Hannover
tel: 0511 70120 0
e-mail: kestner@kestnergesellschaft.de
www.kestnergesellschaft.de

Ericka Beckman, You the Better, 1983, 16mm transferred to digital, single-channel, color, sound. TRT: 31 min., 57 sec. Courtesy of the artist and Philip Martin Gallery, Los AngelesEricka Beckman, You the Better, 1983, 16mm transferred to digital, single-channel, color, sound. TRT: 31 min., 57 sec. Courtesy of the artist and Philip Martin Gallery, Los Angeles

Ericka Beckman, Nanotech Players 1-5, 1989, Archival pigment prints, mounted and framed, 5-part, with audio, 40 x 60 in (4 parts) and 60 x 40 in (1 part), 101.6 x 152.4 cm (4 parts) and 152.4 x 101.6 cm (1 part). Courtesy of the artist and Philip Martin Gallery, Los Angeles

Ericka Beckman, Reach Capacity, 2020, single-channel video, color, sound, single- projection/screen. TRT: 12 min., 54 sec. Courtesy of the artist and Philip Martin Gallery, Los Angeles


RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.