READING

FACE ON FACE ON STAR HOLO: la mixed reality di Vin...

FACE ON FACE ON STAR HOLO: la mixed reality di Vincenzo Marsiglia a Maker-Art 2020

La Fondazione Luca e Katia Tomassini partecipa con il progetto “FACE ON FACE ON STAR HOLO” di Vincenzo Marsiglia all’edizione 2020 di “Maker Art”, progetto collaterale di Maker Faire Rome – The European Edition dedicato all’interazione tra ricerca artistica e nuove tecnologie. Questa sezione speciale della fiera, curata da Valentino Catricalà, si terrà in modalità interamente digitale sull’apposita piattaforma, dal 10 al 13 dicembre.

A cura di Davide Sarchioni e Davide Silvioli, il progetto di Marsiglia conduce l’osservatore in una realtà mista, dove i riferimenti del reale sono contaminati da reticoli e volumi progettati dall’artista, i quali scansionano e processano lo spazio circostante, restituendone una resa stereometrica composta da forme astratte, motivi grafici e colori. Il progetto si divide in due momenti complementari: “Holo Private Immersion” e “Interactive Star App” ed è sviluppato in collaborazione con TerraMedia, Xonne Mobile Solutions e Ocrasunset. “Holo Private Immersion” è la simulazione di un viaggio realizzato grazie alla tecnologia innovativa HoloLens2, che viene sperimentata per la prima volta nel campo delle arti visive, nel quale l’autore percorre un itinerario fra alcuni luoghi storici della città di Parma, facendone nuova esperienza grazie alla manipolazione tecnologica. Spiegano i curatori come le forme dell’esperienza aumentata siano “originate da una forma stellare, la stella a quattro punte che si definisce come UM, l’Unità Marsiglia, unità e misura di tutte le cose, ossessivamente ripetuta e formulata per attivare nuove configurazioni e strutture estetiche”. Così “la texture stellata si plasma come una pelle, rivestendo e mappando ogni forma e superficie che viene intercettata dagli occhi dell’artista e dal loro movimento, così che ogni modificazione avviene nello svolgersi dell’azione, dando luogo a un percorso visivo imprevedibile, cangiante e variegato”. L’esperienza, inoltre, si amplifica grazie alla collaborazione con Ocrasunset, che per il progetto ha concepito un sound ipnotico capace di assecondare l’esperienza immersiva.

La seconda parte, “Interactive Star App”, che costituisce una prosecuzione del precedente “Un ritratto per unirci” (nato in periodo di lockdown) prevede la manipolazione di numerosi ritratti attraverso un pattern visivo di forme e volumi ideato da Vincenzo Marsiglia e sviluppato per mezzo di un’applicazione omonima. “Un progetto interattivo virale con il coinvolgimento del pubblico stesso”, come lo definisce l’artista medesimo, pensato come una piattaforma interattiva in cui lo spettatore potrà condividere il proprio ritratto, che sarà poi rielaborato e condiviso tramite i canali social dell’artista, della fiera e della fondazione. Un ricco e interessante programma di talk moderati dai curatori, incentrato sull’approfondimento del lavoro dell’artista in relazione all’innovazione tecnologica, scandirà le giornate della fiera, vedendo la partecipazione di nomi quali: Katia Sagrafena, Serena Cassissa, Ennio Bianco, Mario Nardo, Laetitia Florescu, Julie Fazio, Alessio Garbi, Umberto Cabini, Matteo Galbiati, Beatrice Audrito, Marco Santomauro, Chiara Canali e Annalisa Ferraro.

Gaia Bobò

Info:

www.makerfairerome.eu

Vincenzo Marsiglia, Holo Private Immersion, 2020, still from video capture on HoLolens 2, courtesy of Fondazione Luca e Katia Tomassini

Vincenzo Marsiglia, Holo Private Immersion, 2020, still from video capture on HoLolens 2, courtesy of Fondazione Luca e Katia Tomassini

Vincenzo Marsiglia, Holo Private Immersion, 2020, still from video capture on HoLolens 2, courtesy of Fondazione Luca e Katia TomassiniVincenzo Marsiglia, Holo Private Immersion, 2020, still from video capture on HoLolens 2, courtesy of Fondazione Luca e Katia Tomassini


RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.