READING

Haffendi Anuar. Un artista antimonumentale

Haffendi Anuar. Un artista antimonumentale

L’arte è solo una merce?
A Singapore dove c’è denaro per i progetti della comunità, le persone vedono l’arte come una merce e una forma di investimento. Non è come in Occidente, dove l’arte è spesso vista come una forma di resistenza, una voce politica, un modello di aggregazione.

In termini di trasformazione, gli artisti sono spesso paragonati agli sciamani…
Joseph Beuys è stato uno di questi. Penso che fosse consapevole del personaggio che aveva creato: si vestiva in un certo modo, usava un certo tipo di materiali e di energie naturali. Penso che l’arte abbia un ruolo nella guarigione; e ho guardato ad artisti di questo tipo. Uno di questi è Josh Faught, un artista queer di stanza a San Francisco; usa la tessitura tessile come una specie di punto… per affrontare i traumi.

Che cosa significa essere anti-monumentale?
Ho usato questo termine in relazione alla scultura e all’arte pubblica. Penso che nel mercato dell’arte tutto debba essere grande per catturare l’attenzione del pubblico; diventa uno spettacolo enorme, come un trucco di marketing, e intendo dire che la scultura non ha sempre bisogno di essere enorme.

L’arte come sostituto della religione?
Non sono una persona profondamente religiosa. L’arte può forse sostituire la spiritualità, non la religione.

Pensi che molta arte stia cercando di essere accettata?
Mostrare un’esperienza artistica, esibire un prodotto, diviene sempre una discussione pubblica, ed è anche bello portare questi argomenti al pubblico.

Vivere in due culture: un piede in entrambe, o nessuna appartenenza?
Conosco KL, Singapore e Londra, e mi sento molto a mio agio in tutti questi luoghi, dove ho amici nel panorama artistico, a causa degli anni di lavoro sui progetti e del tempo trascorso in quei paesi dove ho esposto le mie opere; ma rimango un artista malese e sono consapevole del contesto dal quale proviene il mio lavoro.

È tuo dovere affrontare i problemi sociali?
Un pochino, sì. Quando sono tornato per la prima volta da Londra, mi sono sentito un po’ responsabile: avevo bisogno di contestualizzare o ancorare il mio lavoro in Malesia, sebbene ora lo senta come una forzatura, e debbo capire se ne ho ancora bisogno, e se è abbastanza urgente.

Hai fonti d’ispirazione inaspettate?
Ho idee interessanti quando sono sull’autobus o sul treno o su un aereo. Inoltre, non è solo una suddivisione in zone: lo chiamo sogno costruttivo ad occhi aperti. Sto pensando attivamente a qualcosa, immaginando un lavoro nella testa, ma è una cosa attiva. Non sto solo andando con il flusso. In studio, se mi sento un po’ bloccato o non so cosa fare, spazzo il pavimento. Pulire lo spazio è una bella attività fisica. È un gesto ripetitivo, ma aiuta molto.

C’è qualcosa che il mondo dovrebbe vedere nel tuo lavoro che forse non è così ovvio?
Per gli artisti è piuttosto difficile… le parole più importanti penso siano i titoli delle opere. Ma io tendo a non pensarci sopra, perché penso che il lavoro dovrebbe essere in grado di esistere anche da solo. Mi piacciono alcuni dei miei titoli, penso che funzionino proprio a causa di certe parole usate.

Devi tenere una conferenza al Public Sculpture Symposium al Royal College di Londra quest’anno; è così spaventoso?
Sì, molto; è un’università prestigiosa e io sono come un bambino. Sono un ragazzino nel mondo dell’arte, quindi ho ancora molta strada da fare. Se ci penso, l’ho fatto a tempo pieno solo per due anni. È davvero spaventoso. Mi sento inesperto e sento di dover imparare di più quando sono a Londra.

Cosa diresti al giovanissimo Haffendi?
Non dovresti fare arte per fare soldi o diventare famoso; penso che tu debba avere un’idea, e una convinzione, del perché vuoi farlo. Dovresti essere chiaro e onesto, e in un certo senso apprezzarlo, dare voce a qualcosa, cambiare qualcosa; è davvero importante. Ho visto artisti fare dei lavori solo per venderli alle mostre; non ha senso, è solo business. No, tu sei un artista, e devi dare un senso al tuo lavoro e combattere per qualcosa.

Haffendi Anuar beside his sculptures, 2019, ph courtesy of Richard Koh Fine Art

Installation view of Migratory Objects at Richard Koh Fine Art, Kuala Lumpur (21 Sept – 7 Oct 2017). Oil and enamel on wood, powder-coated metal stands and digital print sticker on wall. Dimensions variable. Ph Hings Lim, courtesy of the artist and Richard Koh Fine Art

Installation view of head heap heat at the Institute of Contemporary Arts Singapore, Singapore (Feb 10 – Apr 12, 2018). Foam, latex, sand, spray paint, enamel paint, powder coated metal shelf, woven mats and castors and oil and acrylic on canvas. Ph Weizhong Deng, courtesy of the artist and the Institute of Contemporary Arts Singapore, LASALLE College of the Arts

Installation view of Machines for Modern Living for Powerhouse Commission 2017 at Battersea Power Station, London, 2017. Oil and enamel on wood, powder-coated metal stands and digital print sticker on wall, dimensions variable. Ph Hings Lim, courtesy of the artist and Richard Koh Fine Art

image_pdfimage_print

RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.