Marta Roberti. In metamorfosi

Sabato 11 dicembre, la galleria z2o Sara Zanin ha inaugurato la prima mostra personale dell’artista Marta Roberti, In metamorfosi, a cura di Cecilia Canziani.

La mostra raccoglie due serie di lavori realizzati su carta dello Yunnan e fortemente contaminati dalle relazioni tra oriente e occidente che caratterizzano le ricerche dell’artista.

Il titolo della prima, s’io mi intuassi come tu t’inmii, è un verso tratto dalla Divina Commedia di Dante (Paradiso IX, 81), che secondo l’artista è in grado di esprimere perfettamente l’idea di metamorfosi che è al centro di tutti i lavori. Gli animali che popolano le tre cantiche della Commedia sono il punto di partenza per una rielaborazione al femminile di creature mitologiche e zoomorfe, la cui iconografia viene ripensata dall’artista a partire da sé, proponendo quindi una serie di autoritratti e fondendoli con linguaggi antichi ripresi dai greci e dagli etruschi.

L’idea di metamorfosi caratterizza anche la seconda serie di opere, Lotus goddesses: reinvenzioni di divinità indiane femminili affiancate da figure di animali a loro volta simbolici e ambigui. “I miti sono storie che non sono mai accadute ma che sono sempre” (Ovidio), c’è qualcosa di forte nelle storie che si connette con alcune parti della nostra interiorità e può sempre comunicare con noi.

Il principio che sovrintende questi due cicli è lo stesso che regola in generale il lavoro di Marta Roberti e ha le sue radici nella molteplicità e nella fiducia nella trasformazione e nella crescita. I suoi disegni, ottenuti attraverso l’uso della carta copiativa, che è matrice o corpo dell’opera e che genera sempre un disegno e il suo doppio, possono essere assemblati e riassemblati generando vaste possibilità di combinazioni.

Il limite dell’immagine non è mai definito: è l’immagine stessa a decidere l’estensione del supporto e non viceversa.

Sofia Zin

Info:

Marta Roberti. In metamorfosi
11/12/2021 – 05/02/2022
z2o Sara Zanin
Via della Vetrina, 21 Roma

Marta Roberti, Se io mi intuassi… La minotaura, 2021, pastello a olio su carta dello Yunnan, cm 170 x 132, courtesy the artist & z2o Sara Zanin


RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.