READING

Tracey Rose allo Zeitz MOCAA, Cape Town

Tracey Rose allo Zeitz MOCAA, Cape Town

Zeitz Museum of Contemporary Art Africa (Zeitz MOCAA) è un’istituzione pubblica senza scopo di lucro il cui fine è quello di esporre, raccogliere, conservare l’arte contemporanea africana. Accanto alla collezione permanente, il museo è dotato di ampi spazi dove ospitare mostre temporanee e una project room per gli artisti emergenti. Il Museo comprende anche il Center for Art Education e il Center for the Moving Image. La sede del museo sta nell’ex edificio industriale Grain Silo Complex al V&A Waterfront (in origine un insieme di quarantadue tubi di cemento alti 33 metri, ciascuno con un diametro di 5,5 metri, e senza alcun apertura) riconvertito grazie al progetto di Heatherwick Studio. L’attuale direttore esecutivo e chief curator è Koyo Kouoh.

La collezione permanente (tutta incentrata sulla creatività degli artisti che possono essere riferiti alla cultura del continente africano perché sono nati e vivono in Africa o in altri luoghi o perché sono figli della “diaspora” e abitano da tutt’altra parte) è molto eterogenea e a trecentosessanta gradi, e rivela comunque una grande attenzione a tutte le possibili varianti e articolazioni. Il tutto indica un particolarismo che in qualche mondo sembra tradire la cultura “internazionale” dell’illuminismo o un credo progressista di stampo socialista e unificatore, per favorire le tradizioni del luogo, gli aspetti anche popolari o le memorie ancestrali. Un senso di riscatto e di riaffermazione di un passato negato, e violato dal colonialismo o dal capitalismo selvaggio, sembra attraversare molte di queste opere. Nel tour incontriamo non solo autori famosi e celebrati in tante mostre internazionali, ma anche nomi giovani e ancora sconosciuti; facciamo alcuni esempi: William Kentridge,  Chéri Samba, Zanele Muholi, Kendell Geers, Abdoulaye Konaté, Ammira Kamudzengerere, Athi-Patra Ruga, Godfried Donkor, Kehinde Wiley.

Ora, Zeitz MOCAA è impegnato nell’organizzazione della retrospettiva più completa di Tracey Rose (Durban, 1974, vive a Johannesburg), con lavori che vanno dal 1996 al 2019. La mostra comprenderà video proiezioni, sculture, foto, performance, pittura. Tracey Rose è una voce radicale nel mondo dell’arte sudafricana e internazionale dato che il suo lavoro possiamo a tutti gli effetti definirlo come “impegnato” ovvero di denuncia o di rivalsa nei confronti del suprematismo bianco e dell’egocentrismo maschilista.

La sua opera, sempre tumultuosa e sovrabbondante, sebbene parli di temi legati alla storia dell’Africa (nello specifico non solo al suo passato coloniale e alla dicotomia uomo bianco/nero, ma anche alle sue tradizioni e alle sue identità) non dà mai l’impressione di essere autobiografica, tanto che si può dire che questa coraggiosa artista dia voce a una protesta più corale che individuale. La sua passione e le sue riletture del passato conducono a un ribaltamento delle figure note della storia, della religione e della contemporaneità, ovvero a una “recitazione” in cui il colore della pelle fa spesso la differenza. La sua poesia recitata e performativa è un rituale fantastico: una cascata di variazioni spesso baroccheggianti, tanto che l’affresco a cui ci troviamo davanti si trasforma spesso in un’allegoria, in una narrazione traslata e multistratificata. Lo stile è perfetto, ogni dettaglio è molto curato, come da autentica osservatrice di fatti e persone che voglia legare ogni dettaglio all’annotazione sociale, di costume, storica, politica ed economica o agli stereotipi connessi a tutti questi fenomeni e al ruolo della donna nella storia dell’umanità.

E il corpo (spesso quello dell’autrice, anche mascherato come in una recita teatrale, ma spesso anche nella sua ostentata nudità) diviene veicolo di questo messaggio sovversivo, su cui si caricano riferimenti a politiche identitarie, di genere, razziali e gender. Queste recite, basate su allestimenti scenici e su mascheramenti molto accentuati (talvolta perfino onirici) possono alla lontana ricordare la metodologia del travestimento usata anche da Cindy Sherman, soprattutto nelle serie a colori di quest’ultima, ma direi che Rose, in questo gioco di metamorfosi, è davvero su uno scalino superiore, proprio là dove è capace di far scattare, in maniera evidente per ogni occhio un po’ esercitato, una chiara volontà di biasimo e di fustigazione di un passato riportato al presente: al nostro presente. A un presente mai risolto e pieno di contraddizioni.

Roberto Grisancich

Info:

Tracey Rose. Shooting Down Babylon
18/02/2022 – 28/06/2022
Zeitz MOCAA
Silo District
S Arm Road
V&A Waterfront
Cape Town
info@zeitzmocaa.museum

Tracey Rose, San Pedro V “The Hope I hope” The Wall, 2005. Giclées print, 63,46 x 84,91 cm, courtesy the Artist and Dan Gunn, LondonTracey Rose, San Pedro V “The Hope I hope” The Wall, 2005. Giclées print,  63,46 x 84,91 cm,  courtesy the Artist and Dan Gunn, London

Tracey Rose, PIG, 1999. Oil, acrylic, spray paint and pencil on canvas, 254 x 254 cm, courtesy the Artist and Dan Gunn, London

Tracey Rose, Ciao Bella Ms Cast: Lolita, 2001. Lambda print, 117,5 x 118 cm, courtesy the Artist and Dan Gunn, London


RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.