READING

Alberto Sinigaglia. MICROWAVE CITY

Alberto Sinigaglia. MICROWAVE CITY

Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Date(s) - 29/09/2018 - 21/10/2018
5:30 pm

Luogo
Museo Civico Giovanni Fattori

Categorie


La mostra, realizzata dal Comune di Livorno in collaborazione dell’Associazione culturale Blob ART e la Fondazione Livorno, celebra la ricerca artistica di Alberto Sinigaglia, vincitore del Combat Prize 2017 premio speciale “Fattori Contemporaneo” con l’opera intitolata CLOUD#5-DOMINIC ARKANSAS, dalla serie “Microwave City”.

La ricerca artistica di Alberto Sinigaglia ben rappresenta le traiettorie che la fotografia ha intrapreso negli ultimi anni, indirizzando i propri interessi nei confronti di modalità operative variegate, indagando il rapporto tra realtà e finzione, tra documento e creazione, fondamentali nella costituzione del linguaggio fotografico.

L’interesse dell’autore si concentra sulla ricerca delle fonti. Queste possono essere aggiunte o sostituite, attraverso un percorso nel quale il concetto stesso di verità viene posto in discussione.

A partire da queste premesse, la mostra percorre un viaggio che è insieme riflessione sulla scienza, sull’immagine e sull’immaginario collettivo e si sviluppa tra fotografia, installazione ed editoria.

La mostra, composta da venti opere, si ispira ad una poco conosciuta storia della città di Las Vegas.

A partire dagli anni quaranta fino agli anni sessanta dello scorso secolo, una delle attrazioni di Las Vegas era la possibilità di guardare i test delle bombe atomiche che avvenivano nel deserto a poche miglia dalle terrazze degli hotel. I turisti erano soliti fare delle fotografie di queste drammatiche e potenti scene trasformandole in souvenir.

Alberto Sinigaglia ha ricercato il materiale iconografico riguardante l’invenzione e lo sviluppo della bomba atomica contenuto nell’archivio immagini dei laboratori scientifici di Los Alamos. Esplorando questa vasta collezione di immagini e film, e agendo su di loro allo stesso modo di un turista, l’autore se ne è appropriato, restituendoci, attraverso la loro manipolazione o innocue, morbide, misteriose nuvole sospese nel cielo, od oggetti abbastanza comuni, resi straordinari dall’essere fotografati e caricati di un potere apotropaico. L’autore ci mostra una fotografia quale privilegiato deposito di valori sociali e culturali in un mondo saturo di immagini, invitandoci ad essere consapevoli di ciò che vediamo, di come lo vediamo, e di come le immagini scatenano e danno una forma alle nostre emozioni e alla nostra comprensione del mondo.

La mostra, che rimarrà aperta dal 29 settembre al 21 ottobre è accompagnata da un catalogo illustrato, con un saggio del curatore Alessandro Carrer.


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.