Costellazioni

Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Date(s) - 23/03/2022
5:00 pm - 6:00 pm

Luogo
Fondazione smART - polo per l'arte

Categorie


Fondazione smART – polo per l’arte presenta mercoledì 23 marzo alle ore 17.00 Costellazioni, una conversazione tra Flaminia Gennari Santori, storica dell’arte e direttrice delle Gallerie Nazionali di Arte Antica ed Elisa Montessori, pittrice attiva fin dagli anni Cinquanta e ancora in piena attività creativa. L’incontro, moderato da Cecilia Canziani, storica dell’arte e curatrice indipendente, cercherà di mettere in relazione il lavoro dell’artista e quello della curatrice tracciando similitudini, assonanze, echi.

Le mostre Caravaggio e Artemisia: la sfida di Giuditta. Violenza e seduzione nella pittura tra Cinquecento e Seicento a cura di Maria Cristina Terzaghi attualmente in corso a Palazzo Barberini e Una rivoluzione silenziosa. Plautilla Bricci pittrice e architettrice a cura di Yuri Primarosa a Galleria Corsini, sedi del museo di cui Flaminia Gennari Santori è direttrice, sono lo spunto per raccontare la lenta e felice rivoluzione che lei stessa ha operato all’interno delle due istituzioni, ripensandone l’allestimento in una chiave che restituisce leggibilità alle relazioni tra le opere e la risonanza tra le personalità e la scrittura di una storia dell’arte fatta di traiettorie che si incontrano più che di percorsi singoli.

Figure femminili del passato da scoprire o riscoprire, attorno alle quali s’è molto concentrata, in anni recenti, l’attenzione della critica e della letteratura, e che trovano oggi un rinnovato riconoscimento, oltre che per l’identificazione di nuove opere e documenti, anche per una struttura espositiva narrativa che ne valorizza il lavoro.

Un salto in avanti di oltre 500 anni ci porta alla contemporaneità e al confronto con Elisa Montessori, artista che a partire dalla metà degli anni Cinquanta ha costruito, attraverso la pittura, una mappa di rimandi tra il mondo vegetale, minerale, cosmico e in cui le sue immagini risuonano e con altre voci e danno conto dell’atto creativo come un dialogo attento che si genera nell’ascolto reciproco.

Il lavoro multiforme dell’artista, caratterizzato dalla sperimentazione di tecniche e dalle relazioni tra segno –  elemento essenziale del suo fare – immagine e poesia, diventa, in occasione di questo dialogo, il sentiero lungo cui muoversi per raccontare il suo personale percorso di emancipazione femminile, che propone nuove visioni e narrazioni.

Ingresso libero su prenotazione

esposizioni@fondazionesmart.org

06 64781676 – 392 966 4538

Sarà altresì possibile partecipare all’evento attraverso la pagina Facebook della Fondazione.

Flaminia Gennari Santori, storica dell’arte, direttrice delle Gallerie Nazionali di Arte Antica. Precedenti incarichi: Consulting Curator del Vizcaya Museum and Garden di Miami e professore di History of Collecting and Displayal Graduate Program in Renaissance Art History, Syracuse University in Florence; vicedirettore e Chief Curator al Vizcay Museum and Garden; Senior Fellow al Metropolitan Museum of Art; Senior Program Officer presso la Fondazione Adriano Olivetti di Roma. Laureata e specializzata in storia dell’arte all’Università La Sapienza di Roma, ha conseguito il dottorato in History and Civilization presso The European University Institute di Fiesole. Nel 2001 è stata Fulbright Scholar presso la University of Chicago e ha studiato al Courtauld Institute a Londra, Berkeley University e New York University.

Elisa Montessori, artista attiva sin dagli anni Cinquanta. La sua produzione si caratterizza per la raffinatezza del segno e della composizione. Nella sua ricerca si rintraccia l’influenza di due mondi: la fertilità culturale dell’occidente e quella più segnica e nascosta dell’oriente. Ed è proprio nel suo particolare utilizzo del segno che emergono al contempo le avanguardie storiche e le suggestioni orientali che vedono nel gesto stesso del tracciare una totalità di esperienze fisiche e mentali. Artista dalle molteplici visioni, nelle sue opere si percepisce in particolare la ricerca di un rapporto profondo tra donna e natura, inteso come momento di trasformazione e di metamorfosi.

Cecilia Canziani storica dell’arte e curatrice indipendente, insegna presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna e collabora con l’Università di Roma ‘Tor Vergata’ e American University of Rome. Con Ilaria Gianni ha recentemente fondato il centro di ricerca sull’arte contemporanea IUNO ed è co-fondatrice del progetto editoriale Les Cerises.

Si ringraziano

Gallerie Nazionali di Arte Antica

Monitor Art Gallery


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.