Fracta – il corpo in frammenti

Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Date(s) - 19/03/2022 - 02/04/2022
5:00 pm

Luogo
SCD Studio

Categorie


Apre presso SCD Studio la terza mostra del progetto espositivo che la galleria specializzata in fiber art dedica al tema del corpo. Curata da Erika LacavaFracta narra di un corpo in frammenti, scomposto più volte e ricomposto, distrutto e risorto. Un corpo amato scomparso, un corpo che dona la vita o se la prende, un corpo che più non ci appartiene. Attraverso un linguaggio nativamente femminile che si costituisce nel filo e nel ricamo, i pezzi persi nel tragitto di vita vengono ricomposti con la fibra del tempo, che ce li ricuce addosso con pazienza in nuova guisa, tampona le ferite e rammenda gli strappi.

Le tre artiste in mostra – Deborah Graziano, Ilaria Margutti e Camilla Marinoni – raccontano ferite e fratture attraverso parti sconnesse di corpo che diventano simbolo del tutto, una sineddoche corporea che ci restituisce l’intera essenza amata.

Deborah Graziano attraverso il recupero di oggetti parla di un passato che resta ancorato tra le pieghe del presente, e attraverso parti di corpi ci riporta alla condizione femminile. “Il fregio di Ofelia”, un abito abbozzato a partire dal copriletto matrimoniale della nonna, donato alla prozia in dote e mai usato, racconta del mancato successo di una donna in una società dove l’amore e il matrimonio rappresentano il suo fine. Così, di pari passo alla valigia da corredo rimasta vuota e inutilizzata, “La buona educazione” impartita alle ragazze spesso si traduce in un’eccessiva accondiscendenza che finisce per legare, metaforicamente, mani e piedi a un vecchio peso di legno, ostacolandone gli spostamenti. Una riflessione amara sulla condizione femminile, un racconto a mezza voce di vite legate.

Il lavoro di Ilaria Margutti ruota intorno ai concetti di lettura e scrittura come chiave per passare da un frammento al tutto, e viceversa. In “Recto-verso” l’organza permette di vedere il dentro e il fuori dei busti di donna: i lineamenti si accavallano e si confondono tra sentieri ricamati e rami di fiori essiccati. Nelle opere prive di trasparenza la natura emerge sul retro dove i fili si aggrovigliano senza poter essere decifrati, ma si rivelano tanto essenziali quanto il disegno frontale razionale. Sempre dalla lettura nasce il lavoro “Togliere le parole di mano”, tre metri e mezzo di lenzuolo ricamato con frammenti letti in diari differenti e qui trascritti con la stessa lentezza con cui il tempo cura le ferite. Il racconto si dipana tra parole cucite bianco su bianco. I brandelli di discorso, le porzioni di vite vissute vengono qui ricucite e riunite in un diario collettivo per dare vita a una storia nuova, di valenza universale.

Anche Camilla Marinoni sceglie la parte per il tutto con lavori emblematici in cui l’ombelico e il seno si completano a vicenda in un gioco di concavo e convesso. Entrambi facenti parte della dimensione materna originaria, all’uno si deve la nascita e all’altro il nutrimento, un cordone ombelicale fisico e uno figurativo che tengono legati alla vita. Il tema viene sviluppato seguendo due direttive, a partire dal bianco su bianco dei piccoli “Zaffo”, una riflessione nata con la scomparsa della madre che dona all’artista la sapienza del ricamo attraverso cui costruire una cura alla sua assenza. Il lavoro viene riattualizzato nel recente “L’immortalità non consola della morte”, in cui le immagini, come impresse indelebilmente nella memoria, tornano cucite sulle lenzuola familiari tramandate attraverso le generazioni. Simbolo di memoria, le lenzuola sono tinte del rosso del vino che cambierà colore con il passare degli anni così come muterà la percezione del dolore.

La mostra sarà visitabile fino al 2 aprile 2022. Informazioni e orari al mob. 347 177 6001


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.