READING

La Venere dei guardoni di Momò Calascibetta, a cur...

La Venere dei guardoni di Momò Calascibetta, a cura di Andrea Guastella

Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Date(s) - 21/06/2022 - 17/07/2022
6:00 pm

Luogo
Museo Regionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Palermo

Categorie


Momò Calascibetta
La venere dei guardoni

PALERMO – Museo Regionale d’Arte Moderna e Contemporanea
spazio vetrina
21 giugno | 17 luglio 2022

Vernissage, 21 giugno ore 18

Martedì 21 giugno 2022 alle 18:00 si inaugura presso la vetrina di Palermo Palazzo Riso, sede Museo Regionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Palermo, “La venere dei guardoni” di Momò Calascibetta, a cura di Andrea Guastella.
L’installazione, in dialogo con la Venere degli stracci di Michelangelo Pistoletto, attualmente in esposizione presso il Palazzo Reale di Palermo, rimarrà in mostra nella vetrina del museo sino alla fine di agosto.
Dal testo di Andrea Guastella:
«Ad oltre cinquant’anni di distanza dal capolavoro di Pistoletto, nella Venere dei guardoni di Momò Calascibetta la statua di Thorvaldsen ha voltato le spalle agli stracci, in cui non rovista più come un barbone, e non nasconde le sue grazie, anzi le mette in vetrina: come nella Maja vestida di Goya, gli abiti à la page che la ricoprono sono, più che un freno, un incentivo alla lussuria, al consumo sfrenato.
Del resto la Venere “vestita” non rappresenta mai l’amore sacro, cui ben si addiceva la nudità di Pistoletto, ma il suo doppio profano. Anche i materiali hanno un peso differente; figlia di un’epoca “leggera”, in cui l’essere è apparire, non importa che il suo corpo sia di cemento, di gesso o di marmo pregiato: una sagoma basta a impersonarla.
Non a caso i veli che la cingono, come certi risicatissimi abiti neopunk, mostrano fuori quanto forse dovrebbe restare celato: le ossa di un cadavere, un teschio all’altezza del pube.
Se dunque, riassumendo, Pistoletto si interrogava sul linguaggio dell’arte nell’epoca della sua riproducibilità, il focus di Calascibetta non è tanto sull’espressione artistica, articolata in modi naturali come il cucito o la pittura, quanto sui guardoni: i destinatari finali, o meglio le vittime, di un’arte corrotta dagli abusi del mercato e dalla pubblicità.
Li ritroviamo ora, come nella Venere che esce dal bagno di Giambologna presso la grotta del Buontalenti, raccolti tutti intorno a Venere e vogliosi di guardare.
Essi però, come è sempre più frequente in tempi di trionfo del virtuale, non sono presenti in forma fisica. I loro volti “viziosi” si riflettono, come in Velázquez, o in tanti altri lavori di Pistoletto, su uno specchio collocato alle spalle della sagoma.
Chi, traversando Corso Vittorio, ritrovi per un attimo il suo volto in compagnia dei loro, non si preoccupi troppo. Venere non cambia, è sempre uguale. Il suo unico scopo, come è solito ripetere un amico banditore, è “diffondere amore”».

Artista satirico tra i più noti, Momò Calascibetta ha già esposto presso il Museo Riso, Cappella dell’Incoronata, in occasione della mostra itinerante Cenere (2018). Una sua antologica, Il giardino delle delizie, a cura di Andrea Guastella, si è poi svolta l’estate scorsa presso la sede del Museo, Palazzo Belmonte Riso.

Info mostra:
Museo Regionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Palermo
Palazzo Belmonte Riso – Vetrina
via Vittorio Emanuele 365 – Palermo Tel. 091.587717
Inaugurazione: martedì 21 giugno 2022, ore 18:00
Durata della mostra: 21 giugno – 17 luglio 2022

www.museoartecontemporanea.it


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.