Pasquale Gadaleta | Sentimentale

Mappa non disponibile

Data / Ora
Date(s) - 22/02/2020 - 08/03/2020
Tutto il giorno

Luogo
Galleria Marrocco, A'Mbasciata

Categorie


La  Galleria Marrocco inaugura sabato 22 febbraio 2020, alle ore 19.00
la mostra personale di Pasquale Gadaleta
Sentimentale
a cura di Letizia Mari 

La Galleria Marrocco è lieta di presentare la mostra personale dell’artista Pasquale Gadaleta (Terlizzi, 1988), Sentimentale, che apre la stagione espositiva 2020 nello spazio della galleria a Palazzo Venezia, ubicato nel centro storico di Napoli.

La mostra Sentimentale, a cura di Letizia Mari, è un progetto espositivo che nasce da un intenso scambio con l’artista. Le opere presenti in mostra, per la maggior parte di carattere pittorico, si inseriscono nel contesto dello storico palazzo, costruito nel XV secolo in stile neoclassico. Situato sul decumano inferiore, è testimonianza di un insieme di relazioni politiche ed economiche tra la Repubblica di Venezia e il Regno di Napoli. Oggi è sede di diverse attività culturali tra cui quelle dell’associazione A’Mbasciata, attiva dall’autunno 2016 e fondata dai fratelli Gianmarco e Giorgio Sannino che hanno operato la ristrutturazione del primo piano dell’edificio che ospita la galleria.

Le opere presenti in mostra segnano il traguardo di una ricerca che Pasquale Gadaleta porta avanti da anni.
Il progetto espositivo, ispirandosi al contesto urbano partenopeo, suggerisce un esercizio di osservazione che si trasforma, negli spazi secolari in cui è ospitata la galleria, in un movimento oscillatorio dove convivono volti, personaggi, territori ed epoche lontane.
Sentimentale accoglie in uno spazio leggero una passeggiata nell’entroterra dell’Italia meridionale, dove i soggetti della quotidianità osservati di sfuggita vengono elevati a icone del tempo presente, immersi in una cromia attraversata dalla luce mediterranea. Nelle opere dell’artista si manifesta il confronto con il territorio, aspro e diversificato, tra i frammenti dell’archeologia romana e l’introspezione dei soggetti contemporanei.

Sentimentale è la sfera delle relazioni che si instaura tra le opere, che si susseguono in un flusso temporale che affiora nel presente restituendosi alla comunità. Da Maradona (2019), ai Locals (2017), a Donna Rosa (2019), queste opere pittoriche si fanno portatrici di riferimenti linguistici scolpiti nella memoria collettiva. I personaggi iconici si presentano come fili di un tessuto sociale in continua evoluzione di cui l’artista si rende consapevole partecipante.

La mostra si snoda attraverso quattro aree che si intersecano tra di loro e si appropriano dello spazio Settecentesco. Le Pale di fico d’india (2020) emergono dalla pavimentazione maiolicata giallo-blu e delineano il percorso espositivo. La contaminazione territoriale messa in atto, colloca lo sguardo in uno scenario vitale. Sulle pareti emergono le “Salse su tela”. I colori sgargianti dati dalla stesura della salsa a cucchiaio e degli smalti definiscono scene dinamiche. L’attesa silenziosa di Donna Rosa (2019) tra gli ulivi si scontra con il caotico morso della Tigre che assale un vitello (2015), ispirato da una composizione di marmi romana.

I richiami storici e sociali si fanno nitidi nel lavoro dell’artista, che coglie i frammenti delle vite passando attraverso la tecnica della manualità quotidiana. La salsa, la carta da forno, le cassette da frutta diventano materiali vissuti interamente – manipolati, assaporati, goduti– da cui si lascia attraversare.

image_pdfimage_print

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.