Residere – Mauro Campagnaro

Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Date(s) - 09/12/2021 - 06/01/2022
Tutto il giorno

Luogo
spazioSerra

Categorie


Residere
mostra di Mauro Campagnaro
a cura di spazioSERRA
testo critico di Carlo Fiorini

visibile dal 9/12/2021 al 6/01/2022
Opening giovedì 9/12/2021 ore 19.00
stazione Lancetti del Passante ferroviario, Milano
e online su www.spazioserra.org/residere

Residere è la mostra digitale e site-specific di Mauro Campagnaro proposta all’interno di venerazioneMUTANTE, la stagione espositiva di spazioSERRA dedicata alla trasformazione delle opere site-specific nel corso della loro permanenza. La mostra è visibile da giovedì 9 dicembre 2021 a giovedì 6 gennaio 2022 presso la stazione Lancetti del Passante ferroviario di Milano e su www.spazioserra.org.

Le opere di Campagnaro sono la catalogazione poetica delle fasi di una ricerca. La sua intenzione è quella di raccontare la storia e lo spirito dei luoghi servendosi di oggetti, servendosi di reperti come elementi parlanti di una storia in corso, autentiche impressioni di un rapporto che perdura tra la materia e il tempo, tra lo spazio naturale e la narrazione umana. Nei frammenti e nei lavori che presenta si nota la volontà di restaurare, di ricucire e di rinsaldare un rapporto, una relazione animista con la natura, attraverso linguaggi e pratiche delle origini.

Residère: lat. rimanere, restare, sedersi, trattenersi; radice della parola resíduus: residuo.

Residere indaga la presenza di territori rifugio per la diversità. Scrive Carlo Fiorini nel testo critico che accompagna la mostra: “Residere trae ispirazione dalla lezione di Gilles Clément, il giardiniere planetario, annunciata nel suo Manifesto del Terzo paesaggio, dove descrive il frammento indeciso del giardino planetario costituito dall’insieme dei luoghi abbandonati dall’uomo. Siti diversi per

storia e natura, dal comune destino di abbandono, essenziali secondo Clément perché luoghi di creatività biologica fondamentali per la conservazione della diversità. I luoghi dell’abbandono diventano i residui”. Osservare questi luoghi permette di creare un inventario dell’habitat, poi degli abitanti e infine anche dei possibili modelli di mutazione che si innescano.

Scrive ancora Carlo Fiorini: “Con adeguate strategie per limitare l’influenza della sua presenza, Mauro colloca nel residuo una camera con sensori per monitorare l’habitat in flagrante mutazione e le specie che lo popolano. Produce 3.035 minuti di immagini e suoni, percorre 306 km con 30.600 m di dislivello a piedi, da luglio 2020 a settembre 2021 esegue 34 diversi monitoraggi, svelandoci così ciò che si vede dopo aver smesso di osservare”. I video che ne risultano popolano il sito Internet di spazioSERRA e compongono la catalogazione di una mutazione, manifestazione di un sistema biologico ricco di imprevisti. Questa narrazione per immagini di un sito non antropizzato, percorso da corridoi ecologici, entra in dialogo e in contrasto con spazioSERRA, un luogo perfettamente inserito nel contesto metropolitano, dove i tragitti e gli spostamenti sono organizzati e ripetitivi.


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.