Sostantivo plurale

Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Date(s) - 14/07/2022 - 30/09/2022
7:00 pm - 9:00 pm

Luogo
Red Lab Gallery Lecce

Categorie


Sostantivo Plurale
a cura di Chiara Arturo e Cristina Cusani

15 luglio – 30 settembre 2022

Opening: giovedì 14 luglio, ore 19.00

Red Lab Gallery – Via Bonaventura Mazzarella, 18 – Lecce

Orari di apertura 

da martedì a domenica 17.30-20.30

chiusura: 1 – 31 agosto

Informazioni al pubblico | info@redlabgallery.com

Ingresso libero

Immagini ad alta risoluzione

https://drive.google.com/file/d/1Wk6zoU_uyFa7ewe_JukfBRYgkcswCBK-/view?usp=sharing

Red Lab Gallery Lecce è lieta di annunciare Sostantivo plurale, una mostra a cura di Chiara Arturo e Cristina Cusani, che si terrà nello spazio espositivo di Lecce.

La mostra, risultato dell’invito rivolto a Chiara Arturo e Cristina Cusani da Red Lab Gallery Lecce – una recente realtà culturale sorta per iniziativa della gallerista Lucia Pezzulla come naturale propaggine della galleria madre di Milano – nelle intenzioni delle curatrici si propone di raccontare parte di quello che è stato finora Progetto Vicinanze coinvolgendo una serie di artisti, autori, intellettuali, ricercatori e attivisti che già hanno preso parte al progetto durante la residenza d’artista condivisa al MACRO Asilo di Roma o attraverso il takeover #ALTROVE sul profilo instagram @progettovicinanze.

Il titolo della mostra si riferisce a una reinterpretazione del termine “(Mar) Mediterraneo”, che nella accezione delle curatrici diventa plurale, poroso, accogliente, eterogeneo, attraversabile. Sono per questo state scelte opere che possano raccontarne l’essenza attraverso tutte le sue sfaccettature: le caratteristiche fisiche, le suggestioni e le possibili interpretazioni, fino ad arrivare alle tradizioni delle culture dei popoli che ne abitano le sponde.

Saranno presentati lavori di Paolo Assenza, Giulia Flavia Baczynski, Ludovica Bastianini, Lidia Bianchi, Novella Oliana, Arianna Pace, Martina Germani Riccardi e Antonio Trimani; appunti e disegni di Marco Ambrosino, testi di Valentina Carlucci, Simone Foresta e Aurora Mastore, un libro d’artista de ilfilodipartenope, il libro illustrato “Terraneo” di Marino Amodio e Vincenzo Del Vecchio e oltre a una selezione di libri di Iain Chambers.

Completa la mostra l’opera corale “INTRA”, realizzata con 30 interventi audio di Chiara Arturo, Paolo Assenza, Pasquale Autiero, Giulia Flavia Baczynski, Ludovica Bastianini, Valentina Carlucci, Iain Chambers, Cristina Cusani, Daniela d’Arielli, Davide De La Cruz, Mara De Giorgi, Federica Di Lorenzo, Simone Foresta, Roberta Fuorvia, Martina Germani Riccardi, Livio Improta, Marianna Licari, Eleonora Marzani, Miriam Montani, Novella Oliana, Arianna Pace, Sara Palmieri, Massimo Pastore, Serena Perrone, Valeria Pierini, Antonella Raio, Calixto Ramirez Correa, Antonello Scotti, Luca Spano, Antonio Trimani.

INTRA è un’opera sull’attraversamento, frutto di un lavoro aperto e condiviso. Una traccia audio realizzata dall’unione di diversi interventi, inviati da alcuni dei partecipanti a Progetto Vicinanze che hanno espresso il proprio pensiero sul Mediterraneo, attraverso frasi, parole, suoni, musiche, poesie; voci che si susseguono, formando un unico racconto. Le curatrici ripartono dal “TRA” risultato della residenza d’artista condivisa realizzata al Museo MACRO nel 2019 – ovvero una riflessione sull’impossibilità di definire il confine, sulla creazione di un gradiente di pensiero e dunque sull’individuazione di un “TRA” come un luogo altro – giungendo ora a una nuova “forma”, una installazione audio che diventa un inno alla fluidità, alla porosità e all’assenza di frontiere.

Il termine CONTAINER, questo il nome dell’iniziativa ideata da Progetto Vicinanze per Red Lab Gallery Lecce e in cui la mostra rientra, è indicativo di qualcosa che accoglie e contiene temporaneamente, esso ha infatti la stessa etimologia di contenere, ovvero tenere insieme, – funzione che la galleria assume “condividendo” il proprio spazio e divenendo così essa stessa parte “condivisa”. Uno spazio temporaneo, ma allo stesso tempo sicuro, resistente e capiente. 

La scelta di Lecce come sede della collaborazione tra Progetto Vicinanze e Red Lab Gallery non è casuale ma ha una valenza simbolica che esalta l’importanza storica e culturale della città. Il capoluogo salentino rappresenta infatti una città per diversi aspetti “fuori rotta”, rispetto ai circuiti artistici tradizionali, ma che ha vissuto e vive innumerevoli attraversamenti.


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.