READING

Esercizi di resistenza: de_Limita – abitare in qua...

Esercizi di resistenza: de_Limita – abitare in quarantena

de_Limita–abitare in quarantena, nuovo progetto economArt di Amy d Arte Spazio, rappresenta un profondo dialogo tra architettura, tecnologia e arte, protagonisti responsabili della salvaguardia della natura per una convivenza etica ed estetica tra uomo e pianeta.

Mettendo in relazione mondi estremamente vitali e connessi, cioè quelli dell’arte e delle imprese, grazie all’architettura in-seguendo la via di confine e limite dove si situa l’intercambio tra le discipline, parla di modi e mondi possibili in un tempo limbico come quello dell’attuale emergenza. Il concept è racchiuso in queste parole del gruppo 9 –Green Heart House – “L’esterno entra all’interno: la Natura, cuore della casa, influenza l’abitare. Un percorso simile alla vita ci accompagna dentro. Isolamento, solitudine, connessioni e relazioni circolano in questo piccolo mondo, come il vento di primavera sotto un ciliegio”.

Anna d’Ambrosio, project manager di Amy d Arte Spazio durante il lockdown ha sognato come interpretare il momento di isolamento, lo stare lontani e guardarsi attraverso e, ispirandosi alle atrapanieblas, ha ideato un progetto contro l’uso e l’abuso di plexiglas, che ha coinvolto due importanti realtà. Arrigoni spa con i prodotti Delimita, (tessuti già usati nell’agro tessile modificati per l’emergenza sanitaria con effetto anti droplet) e il Laboratorio di “Fondamenti del Progetto” del Politecnico di Milano, che ha fornito una serie di modellini preparati da una cinquantina di studenti che lavorando da remoto, ispirati al tema dell’habitat durante la pandemia.

Il progetto espositivo voluto da Anna d’Ambrosio gallerista di Amy d arte spazio, con la partnership di Arrigoni spa, è l’esito di un processo e non certo la tappa di un’evoluzione ed è importante sottolineare che il nuovo materiale è e resta un mezzo e non il fine del suo operare e sperimentare. Una materia funzionale al senso del lavoro, così come in passato lo sono stati il grafene, i cementi nanotech, le bioplastiche e molti altri.

Nell’economia del progetto risulta, infine, di fondamentale importanza il dialogo tra contenitore e contenuto per cui lo stesso spazio della galleria è stato trasformato creando equilibrio tra le realizzazioni degli studenti, le sculture specchianti di Marco De Santi Il tempo del silenzio e Una guerra contro un nemico invisibile e il simulacro, realizzato con Delimita strong consistente in pannelli che sigillano e custodiscono maldestramente gli habitat.

“Per Arrigoni Spa – dice Anna d’Ambrosio – il futuro è un’attitudine; ripensare la realtà attuale mettendo la persona al centro del progetto tecnologico. Oggi, con l’impegno a 360* come provider di realtà consapevole, la ricerca sul tessuto non tessuto Delimita per la migliore interazione fra uomo, salute e società, trova ulteriore concretezza e genera nuove soluzioni. Per questo marchio, l’Heritage è sicuramente un forte drive di comunicazione. Non a caso è spesso raccontato, insieme al tema dell’innovazione, attraverso i valori di saper pensare e saper fare con la capacità di -rottura- e di precorrere tempi e esigenze ed emergenze”.

In mostra, la scultura C’era una volta, nel 2020 dell’artista Marco De Santi, curatore del progetto, immagina nuovi mondi in cui animali e natura si riappropriano del territorio.

Info:

de_Limita–abitare in quarantena
15 ottobre – 04 novembre 2020
Amy d Arte Spazio

de_Limita –abitare in quarantena

For all the images: de_Limita–abitare in quarantena. Installation view at Amy d Arte Spazio


RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.