Luca Pancrazzi | MIRA MARE

Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Date(s) - 24/09/2021 - 23/10/2021
6:30 pm - 12:00 am

Luogo
Fourteen ArTellaro

Categorie


Rassegna Osare Perdere

a cura di Gino D’Ugo

L’ultimo appuntamento per la rassegna OSARE PERDERE è con l’installazione di Luca Pancrazzi

Mira Mare

“Il margine per l’errore è inevitabile e al tempo stesso previsto e inseguito dall’artista. La sua presenza è la testimonianza di una sfida: così si manifesta nel tentativo insistito di Mira (una declinazione del verbo ‘sparire’, che si altera poi in ‘sparare’, scritta con i pallini sparati da una carabina su una tela). L’oscillazione dell’errore attorno all’idea iniziale, e in concorrenza con la volontà dell’autore, garantisce “l’apparizione unica di una lontananza, per quanto possa essere vicina”2 con cui Walter Benjamin definiva l’aura, una parusia che qui è priva di sacralità e si tesse come un “singolare intreccio di spazio e di tempo”3 mantenuto in vita nel passaggio dell’arte.” (tratto da Luca Pancrazzi, un passo dopo l’altro, di Pietro Gaglianò, Assab One 2014)

Sparire e Sparare sono due azioni legate ad una presenza che si nega nel primo caso.

In inglese shoot è sparare ma anche fotografare, (sparare una foto), la pratica quotidiana del disegno è intesa qui come allenamento e aggiustamento del vedere e viene estesa alla pura visione/azione, fotografare, disegnare, sparare sono pratiche quotidiane di precisione, ed è lo sguardo che fora il telo attraverso il proiettile calibro 4,5.

Mira è anche abbreviazione di ammira, guardare, vedere.

In questa installazione il foro del proiettile rivela il paesaggio dietro, il mare, appunto, vero grande soggetto del territorio di Tellaro. Il mare è rivelato metaforicamente e raggiunto attraverso questa azione. Vedere, appunto. Il gioco di parole dell’opera così si arricchisce di questa nuova declinazione.


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.