Bruno Cerasi. Are we all Connected?

Fino al 12 novembre sarà possibile scoprire la nuova mostra online di Onstream Gallery, Are we all Connected? di Bruno Cerasi, che creerà un’intrigante connessione tra il mondo reale e quello virtuale, coinvolgendo il pubblico attraverso un’insieme di connessioni invisibili.

Onstream Gallery è un progetto digitale che ha come duplice obiettivo quello di abbattere le barriere del Mercato dell’Arte e quello di offrire un’esperienza culturale di tutto rispetto nel panorama delle Gallerie italiane. Sarà possibile visitare le mostre online accedendo al sito e contemporaneamente supportando i diversi artisti ospiti delle mostre, acquistando le loro opere d’arte.

Il progetto nasce dalla volontà di due giovanissime Storiche dell’Arte, intraprendenti e creative, Eleonora Rebiscini e Chiara Gesualdo, che dopo aver studiato a fondo le lacune del Mercato dell’Arte in Italia e all’estero, hanno avuto fin da subito un obiettivo chiaro: quello di abbattere le barriere dell’elitarismo proprio del mondo dell’arte e sfruttare la potenza del Web per arrivare a un pubblico più vasto, coinvolgendo le persone in modo diretto, ovunque si trovino.

La Galleria vuole essere un punto di riferimento per gli artisti emergenti, sia dal punto di vista espositivo e sia dal punto di vista commerciale. Si rivolge a un pubblico che non è solo costituito da coloro che comunemente sono definiti Art Lovers, ma anche ai semplici appassionati che, per un motivo o per un altro, non sono mai entrati a contatto con le Gallerie, affinché possano scoprire questo mondo.

La mostra vede protagonista Bruno Cerasi, che traspone in tutte le sue opere una grande forza d’animo e un grandissimo amore per l’arte. L’artista si è formato presso l’Accademia di Belle Arti a L’Aquila ma la sua produzione artistica subisce un profondo cambiamento, in seguito a un evento traumatico della sua vita. Nel 2009, infatti, perde parzialmente l’uso della vista in seguito a un ictus cerebrale. Anche a causa di questo, la sua indagine si focalizza sullo studio delle connessioni invisibili che legano le persone.

La mostra crea un connubio avvincente tra dimensione online e offline. Sarà possibile partecipare alla mostra, pur risiedendo in città sparse per l’Italia: il pubblico potrà infatti realizzare un origami, la farfalla di carta di Bruno Cerasi. Una volta creata, dovranno portarla in un posto per loro speciale e fotografarla.

Solo alla fine, per diventare co-creatori della mostra, potranno condividere il loro luogo speciale con OnstreamGallery tramite una foto su Instagram. Questi luoghi contribuiranno a disegnare una mappa interattiva visibile sul sito web della galleria. Sarà proprio dalla connessione di questi luoghi speciali che l’artista partirà per creare un’opera finale: una costellazione di punti geografici connessi tra di loro.

Are We All Connected? è la tappa finale di un percorso che Bruno Cerasi ha intrapreso da parecchio tempo. In questo progetto sono presenti tutti gli elementi che hanno caratterizzato fino a oggi la sua ricerca artistica, con una speciale attenzione sul concetto di connessione invisibile, un legame che supera la spazialità e la fisicità dell’atto ma che allo stesso tempo non ne può fare a meno.

Di qui l’identità ibrida e connessa della mostra dove il reale e il virtuale dialogano tra loro e dipendono l’uno dall’altro: dove l’uno esiste in virtù dell’altro. Pur essendo online si realizza offline, creando uno spazio dove il reale e il virtuale si incontrano in un universo simbiotico. Non perdetela e diventate co-creatori!

Are We All Connected? Resterà online fino al 5 novembre, scoprite tutti i contenuti sul sito di onstream gallery (www.onstreamgallery.com) e sul profilo Instagram ufficiale @onstreamgallery , ci saranno tantissime sorprese!

Sarete tutti connessi?

Valeria Fortuna

Eleonora Rebiscini e Chiara Gesualdo, Onstream Gallery cofounders

Bruno Cerasi. Are we all Connected?Bruno Cerasi. Are we all Connected?, 2020. Courtesy Onstream Gallery


RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.