READING

Julia Fullerton-Batten. Old Father Thames

Julia Fullerton-Batten. Old Father Thames

Julia Fullerton-Batten è una fotografa apprezzata a livello internazionale. Ha all’attivo dodici progetti principali che coprono un decennio di impegno sul campo. Mentre in gran parte dei suoi primi lavori troviamo una pronunciata influenza autobiografica, che attinge ai ricordi della sua infanzia e della sua adolescenza, i suoi progetti più recenti considerano questioni sociali più ampie, spesso trattando argomenti controversi. L’uso di luoghi insoliti, ambientazioni altamente creative, modelli di street-cast accentuati con l’illuminazione cinematografica, sono i tratti distintivi del suo stile fotografico molto particolare. Julia insinua nelle sue immagini tensioni visive e un pizzico di mistero, che si combinano per stimolare lo spettatore a riesaminare la scena per notare ogni volta particolari diversi e trovare un significato più profondo. Queste qualità distintive hanno consolidato l’entusiasmo per il suo lavoro a tutti i livelli dello spettro culturale, dagli spettatori occasionali ai collezionisti di fotografia d’arte.

Il suo ultimo progetto, intitolato Old Father Thames, ripercorre la storia del fiume Tamigi con un’infinita varietà di storie che comprendono nascita, battesimo, morte, inondazioni, prendere il sole sulla riva, la storia del ‘Ladies Bridge’, messaggi in bottiglia, giovani cercatori di rifiuti, prostituzione, capolavori danneggiati e innumerevoli altri eventi stravaganti, idiosincratici e tragici. Per saperne di più, le abbiamo fatto alcune domande.

I fiumi sono sempre stati considerati entità mitologiche e le loro storie hanno ispirato i miti fondatori delle città. Il Tamigi è uno degli elementi identificativi e iconici più emblematici di Londra, la città in cui ti sei trasferita da adolescente dopo aver trascorso la tua infanzia in Germania e negli Stati Uniti. Qual è il tuo rapporto personale con il fiume?
Dalla sua fonte, circa 100 km a nord-ovest di Londra, il Tamigi attraversa il sud dell’Inghilterra terminando 250 km più lontano nell’estuario del Tamigi e da lì nel Mare del Nord. La sua lunghezza totale è di 346 km. Non è nemmeno il fiume più lungo del Regno Unito ed è gracile rispetto a molti altri fiumi del mondo. Tuttavia è importante per l’Inghilterra e sul palcoscenico mondiale è stato infinitamente significativo da tempo immemorabile. Appena a monte di Londra il Tamigi diventa marea e Londra è diventata un porto in epoca romana e in seguito porto di acque profonde per navi di grandi dimensioni, rendendo Londra un epicentro del mondo per il commercio dagli angoli più remoti del globo – i London Docks, e ora il I Docklands sono famosi in tutto il mondo. Londra non sarebbe mai esistita se non fosse per il Tamigi.
Dopo aver trascorso la mia infanzia in Germania e negli Stati Uniti, mio padre, i miei fratelli e io ci siamo trasferiti in un piccolo villaggio appena fuori Oxford. Poi sono andata a Oxford per studiare fotografia. Il Tamigi attraversa Oxford, anche se è chiamato Isis – un antico nome per il Tamigi, mantenuto in modo idiosincratico ancora oggi in vero stile britannico. Vivere nell’ambiente romantico di Oxford con i suoi collegi secolari, le guglie di chiese e i pittoreschi ponti che attraversano l’Isis è stata un’importante fonte di ispirazione. È stato un momento grandioso, molto importante e molto intenso nella mia vita.
Successivamente, dopo essermi laureata, sono diventata assistente fotografa freelance e mi sono trasferita a West London per vivere con il mio compagno, che ora è mio marito. Il sobborgo della città in cui vivevamo era ancora situato sulle rive del Tamigi. È qui che la mia carriera è sbocciata, ci siamo felicemente sposati e ora abbiamo due deliziosi ragazzi energici.
Nel corso degli anni, con la mia famiglia ho trascorso molte ore felici camminando e giocando sulla riva del fiume. Un pigro pomeriggio di un fine settimana di tre anni fa un episodio ha ispirato l’idea del mio progetto “Old Father Thames”. I nostri ragazzi erano stravaccati sul pavimento del soggiorno a bisticciare e si lamentavano di quanto fossero annoiati. Li ho coinvolti in una caccia al tesoro sul litorale del Tamigi: entusiasmati, controllammo che la marea fosse finita, indossammo i nostri stivali di gomma e ci dirigemmo verso il fiume.
Mentre ammiravo l’abilità dei miei figli nello scovare pietre attraverso le acque fangose del Tamigi, mi sono ricordata di aver letto dei mudlarker dei tempi di Dickens. Erano bambini poveri, dell’età dei miei figli, che trascorrevano giorni sulle rive alla ricerca di qualcosa da vendere che aiutasse loro o la loro famiglia a sopravvivere. Allora ho capito che volevo realizzare un grande progetto sulla storia, i costumi e le tradizioni che si trovano lungo il Tamigi. Il progetto ha assorbito quasi tre anni della mia vita e sono sicura che potrebbe continuare ancora, anche se ora prendo una pausa per scattare qualcosa di diverso. Ho anche cominciato a remare per vedere il fiume da una prospettiva diversa e ho ascoltato molti discorsi sulla sua storia.

Il progetto Old Father Thames è basato su una ricostruzione storica di vari eventi lungo le rive del Tamigi. Alcuni scatti hanno come protagonisti personaggi individuali, con particolare attenzione, mi sembra, per le figure femminili, altre sono rappresentazioni corali di episodi di folklore popolare. Come scegli le storie da raccontare con le tue immagini?
In effetti prendo in considerazione quasi ogni storia inerente al progetto. Tuttavia, lungo alcuni tratti del fiume ho bisogno di ottenere il permesso delle autorità per scattare e non sempre lo ottengo, generalmente per motivi di sicurezza e igiene, altre volte perché è proprietà privata. Questo soprattutto nella parte di marea del Tamigi, dove l’Autorità portuale di Londra svolge un ruolo dominante nel decidere se posso scattare o meno; altre volte, l’autorità della Corona e i consigli comunali e provinciali non desiderano che io mi intrometta sul loro territorio.
D’altra parte ci sono anche storie potenziali in cui la portata delle riprese è così grande che è quasi impossibile procedere senza disporre di risorse finanziarie e strumentali di gran lunga maggiori di quelle attualmente disponibili. Ho già oltrepassato i confini con le riprese di “The Ladies Bridge”, ma la mia attuale ambizione di girare la storia di “The Frost Fair” del 1814 supererà anche quelle.
I Frost Fairs si erano tenuti diverse volte sul Tamigi, ma quello nel 1814 fu l’ultimo prima che il nuovo London Bridge fosse costruito, migliorando il flusso dell’acqua e fermando il congelamento. Nel 1814 all’inizio di febbraio il Tamigi si congelò tra il London Bridge e il Blackfriars Bridge e sul ghiaccio denso per quattro giorni e si svolse un festival improvvisato. I londinesi stavano sul Tamigi ghiacciato mangiando il pane allo zenzero e bevendo gin. I buoi venivano arrostiti su ruggenti fuochi. C’era intrattenimento: trambusto, birilli, mangiafuoco, lotta. I pub temporanei fecero affari d’oro e l’alcol incoraggiava le persone a ballare. Il ghiaccio era abbastanza spesso da sostenere le macchine da stampa che sfornavano souvenir e pesino un elefante. “The 1814 Frost Fair” sarà una storia epica e completerà la prima fase del mio progetto a lungo termine sul Tamigi. Sarà anche il mio più ambizioso racconto di storie.

La realizzazione delle tue fotografie richiede la collaborazione di un considerevole staff: costumisti, scenografi, truccatori, tecnici dell’illuminazione e numerosi modelli. Guardando i video del backstage, sembra di vedere un vero set cinematografico e anche le singole immagini sembrano avere tutte le potenzialità di un film, per la loro straordinaria capacità di condensare una storia in un’inquadratura. Quali punti in comune pensi che la professione del fotografo abbia con quella del regista?
C’è una stretta affinità sotto molti aspetti tra la fotografia intesa come messa in scena cinematografica e la creazione di un film.
Sia i miei progetti che la realizzazione di film richiedono una preparazione e un lavoro di preproduzione considerevoli. Durante una ripresa a volte ho sul set ben 30 persone solo per creare un’unica immagine, più o meno lo stesso numero che compone una troupe cinematografica.
L’illuminazione è molto complessa sia nel mio caso che in quello del regista. Io uso il potere modellante della luce per ottenere i miei risultati cinematografici, utilizzo diverse fonti: naturale, artificiale, ambientale e trasversale. Modifico le impostazioni di illuminazione per ogni immagine con l’obiettivo di creare sensazioni e stati d’animo molto diversi.
Un’altra somiglianza è il mio controllo delle riprese. Prima delle riprese spiego ai miei attori il ruolo che desidero che recitino e i risultati che spero di ottenere. Li dirigerò poi come se fossi un regista.
Mi piace guardare film proprio per approfondire le tecniche di illuminazione; spesso estraggo mentalmente un’immagine statica dal film che mi attrae per analizzarla.
Durante i miei scatti ho spesso la sensazione di produrre un cortometraggio, e potrei farlo davvero combinando insieme tutte le immagini fisse. Per coincidenza ho deciso di creare un cortometraggio quando girerò “The 1814 Frost Fair”. Con 40 attori e artisti circensi sul set sarà la ripresa più grande e ambiziosa che io abbia mai intrapreso, a cui si aggiunge la difficoltà di ricreare l’Old London Bridge che fu demolito nel 1824 e il fatto che il Tamigi non si congela più. Dovrò ricorrere alle riprese in studio e usare effetti speciali per replicare l’evento, il che mi offre anche un’opportunità unica per filmarlo e scattare foto. Un altro vantaggio è che la BBC mi ha chiesto di fare un’intervista sul mio progetto Old Father Thames e mi seguirà anche durante le riprese. Ho intenzione di girare questa storia all’inizio del 2019.

Le tue immagini sono immerse in un’atmosfera misteriosa, in cui convergono colte citazioni tratte dalla storia dell’arte, spunti letterari e una raffinata vena surreale. La tensione visiva che caratterizza i tuoi scatti trasporta lo spettatore in una grande epopea sospesa nel tempo. Qual è il segreto per rendere coinvolgente un’immagine?
Dal mio punto di vista ogni singolo aspetto di una ripresa (dall’idea alla post-elaborazione) è essenziale per il successo dell’immagine finale; in particolare attraverso la selezione di location, modelli, abbigliamento e oggetti di scena. Ma per me e il mio stile di immagini sono fattori determinanti l’ambientazione, la mia regia degli attori e soprattutto l’illuminazione.

Gli eventi e gli stati d’animo dei personaggi nelle tue foto sembrano essere riflessi nelle mutevoli apparenze del fiume e nelle diverse sfumature della luminosità ambientale che li circonda. Che ruolo gioca la post-produzione digitale nel raggiungere questa corrispondenza?
Mi sforzo di fare il più possibile in fase di ripresa. Tuttavia, per poter narrare alcune storie di Old Father Thames ho dovuto usare la CGI, ad esempio nella scena dell’inondazione della Tate Britain.

Dove debutterà Old Father Thames?
Sto ancora pianificando con varie gallerie una mostra di tutte le immagini di Old Father Thames. Inoltre, dal momento che molte persone che mi seguono sui social media mi stanno chiedendo di riunire le immagini in un libro, sono alla ricerca di un editore.

Info:

www.juliafullerton-batten.com

Julia Fullerton-Batten, ph. credit credit Nicky Hamilton

Julia Fullerton-Batten, Bathing by Tower Bridge, 2018

Julia Fullerton-Batten, Annette Kellerman, 2018

Julia Fullerton-Batten, Durga Idol Immersion, 2018

Julia Fullerton-Batten, Flooding of Tate Britain, 2018

Julia Fullerton-Batten, Mudlarkers, 2018

Julia Fullerton-Batten, Sluts’ Hole, 2018

Julia Fullerton-Batten, The Ladies’ Bridge, 2018

image_pdfimage_print

RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.