READING

The Act of Touch di Jacopo Mazzonelli e Tovel [a...

The Act of Touch di Jacopo Mazzonelli e Tovel [aka Matteo Franceschini]

In occasione della XIV edizione di Verona Risuona – riconversione sonora di spazi urbani- festival diffuso dedicato alle contaminazioni tra arte e musica, organizzato dall’Accademia di Belle Arti, il Conservatorio di Verona e l’Accademia di Musica e Teatro di Göteborg – giovedì 30 maggio alle ore 21.00 il Giardino Giusti ospita la performance The Act of Touch di Jacopo Mazzonelli Tovel (aka Matteo Franceschini  Leone d’argento alla Biennale di Musica di Venezia 2019). L’iniziativa è proposta da Spazio Cordis per il ciclo Ectopie e sostenuta da AGI Verona Associazione Culturale e Lorenzo Lomonaco con la courtesy di Paolo Maria Deanesi Gallery (Trento), Galleria Giovanni Bonelli (Milano – Pietrasanta) e Collezione privata Verona.

Partecipazione gratuita previo accredito obbligatorio al link:

https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSfRiTSC7M3UmcNr-5DWqAIr-HwykB8DClYKU-7eulyzSE631A/viewform?usp=sf_link

Le opere di Jacopo Mazzonelli [ABCDEFG, 2015-2016, pianoforti verticali assemblati, dim. variabili] sono parte di Collezione privata Verona, che le concede in gentile prestito agli esecutori, e resteranno in esposizione nelle sale dell’Appartamento 900 del Giardino Giusti dal 02 al 30 giugno 2019 per la mostra HIDDEN SOUND ROOMS (ingresso soggetto a pagamento di biglietto d’accesso al Giardino Giusti).

Il pianoforte è senza dubbio lo strumento che più rappresenta la fioritura della cultura musicale occidentale dal tardo Settecento a oggi. In questo senso, la performance musicale The Act of Touch, costruita sull’opera ABCDEFG di Jacopo Mazzonelli, permette un cammino a ritroso, una sorta di regresso all’essenziale, un percorso di “purificazione” creativa votata a catturare l’immagine più profonda di ciò che si sta scrivendo: la materia, i tasti bianchi, le sette note, l’alternanza rigo/spazio del pentagramma.

The Act of Touch getta lo spettatore all’interno di un paesaggio sonoro inatteso, dove il suono organizzato si palesa dopo un complesso itinerario di esplorazione dei materiali. Ordinata su più livelli visivi e concettuali, la performance si configura come una graduale e consapevole scoperta d‘identità – un percorso di conoscenza e sviluppo che l’impiego dei sette pianoforti/scultura modificati permette di compiere.

La collaborazione tra Matteo Franceschini e Jacopo Mazzonelli si realizza attraverso una performance dove la scrittura acustica si fonde con la manipolazione elettronica in tempo reale. La nuova fisionomia dei pianoforti e la trasformazione dei suoi materiali si configura come il punto di partenza per una riflessione sulla natura stessa del rapporto tra suono e materia.

La performance è stata presentata per la prima volta in occasione della personale di Jacopo Mazzonelli To be played at maximum volume presso il MART / Galleria Civica di Trento (una mostra a cura di Luigi Fassi e Margherita de Pilati). La partitura è pubblicata da Casa Ricordi. Dopo ulteriori prestigiose rappresentazioni, The Act of Touch approda al Giardino Giusti.

Info:

Spazio Cordis
Via Andrea Doria 21/A
37138 Verona
info@spaziocordis.com
+39 340 2612167
+39 335 572 3503

The Act of Touch

image_pdfimage_print

RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.