READING

Vian Borchert. La pittura come meditazione

Vian Borchert. La pittura come meditazione

Vian Shamounki Borchert è un’artista espressionista pluripremiata, che ha esposto in numerose mostre collettive e personali internazionali. I suoi quadri astratti immergono l’osservatore in armoniose atmosfere di luce e colore che vengono riconosciute come familiari perché derivano da un’osservazione sensibile e dall’identificazione con il paesaggio naturale, che inducono una modalità di contemplazione simile alla meditazione. In queste visioni l’impronta del reale si dissolve in una sensazione e in un’essenza, che fa coincidere l’istante con l’infinito. Per comprendere meglio la poetica evocativa dell’artista, le abbiamo rivolto alcune domande.

Andrea Guerrer: Nel tuo statement ti definisci un’artista espressionista e dici che consideri i tuoi dipinti come poesie visive. Approfondiresti questi concetti e il legame tra espressionismo e poesia?
Vian Borchert: È vero, considero tutta la mia arte una forma di poesia visiva. È attraverso la creazione di opere d’arte che presento la mia visione lirica al mondo. Il fatto che l’opera sia espressionista e che alla fine evochi emozioni, che si tratti di rinascita, malinconia o gioia, è ciò che trasforma l’opera in una poesia visiva. Di conseguenza, ho scoperto che la mia arte, come le poesie che scrivo, ha contribuito a risvegliare i sensi visivi e l’immaginazione degli spettatori. Quindi, il dialogo visivo che si verifica tra l’arte e gli spettatori è stato per me molto intrigante da vedere nel corso degli anni. In definitiva, la poesia e l’arte sono forme di espressione del sé. Una parola potrebbe cambiare l’intero stato d’animo della poesia e un colore o una pennellata trasformerebbe completamente l’atmosfera del dipinto, sia esso pacifico o malinconico.

Il tuo cognome rivela un’origine giordana, ma hai completato la tua formazione al Corcoran College of Art and Design George Washington University e attualmente vivi negli Stati Uniti. Quali suggestioni di queste due diverse culture si incontrano nella tua pittura?
Sono cresciuta ad Amman, in Giordania, e ho la doppia cittadinanza, americana e giordana. Eppure, sono nata a Beirut, in Libano. Al momento della mia nascita, Beirut è stata colpita dalla guerra civile e i miei genitori sono dovuti fuggire nella vicina Amman in cerca di una vita migliore e pacifica, soprattutto per una giovane famiglia. Ad Amman, ho frequentato la scuola fino al liceo ed è stato allora che i miei genitori si sono trasferiti negli Stati Uniti nell’area di Washington DC. Ho finito il liceo nel Maryland e ho frequentato il college, il Corcoran College of Art and Design George Washington University a Washington, DC. Vivo nell’area DC/DMV da decenni ormai. Credo che la mia identità di artista e di persona sia fatta del mio passato, della mia cultura, del mio patrimonio e di tutte le esperienze che ho vissuto nel viaggio della mia vita fino a ora. Mi considero una persona internazionale interessata e aperta a molte culture e stili di vita. Credo che l’origine mediterranea traspaia nelle mie opere d’arte a causa del mio totale fascino per The Big Blue. Sono nata all’American University Hospital di Beirut. Il campus AUB si affaccia completamente sul Mar Mediterraneo. Pertanto, mi piace dire che sono nata a pochi metri dal mare. Il campus AUB è un sito molto suggestivo con edifici accademici in pietra in stile mediterraneo, situati in alto su una collina che si affaccia su giardini con cipressi che conducono gli occhi al mare. Ho sempre pensato che il paesaggio fosse molto italiano e che potesse trovarsi facilmente da qualche parte in Italia o in Costa Azzurra. Il mio lavoro è una sorta di specchio che riflette tutti questi viaggi, avventure insieme agli alti e bassi che la vita ci offre. Per quanto riguarda Amman, dove ho trascorso i miei anni di formazione dall’infanzia all’adolescenza, mi vengono in mente molti bei ricordi. Quello che ricordo con più piacere di Amman è l’abbondante quantità di rovine come i siti delle antichità romane, dagli anfiteatri alle cittadelle e alle antiche città ancora in ottime condizioni, come se stessi vivendo di nuovo a i tempi dell’Impero Romano, sicuramente un posto fantastico per gli amanti dell’archeologia come me.

Il tuo linguaggio espressivo astratto deriva dalla tua profonda connessione spirituale con la natura e i tuoi quadri potrebbero essere definiti come “paesaggi dell’anima”. Vuoi dirci di più su questo argomento?
Adoro la tua descrizione e definizione dei miei dipinti come “paesaggi dell’anima”. Per me la natura è la madre di tutto: la madre di ogni comprensione, la madre di tutto il dono, la madre di ogni trasformazione. La natura è il luogo dove posso ritirarmi, meditare, rinfrescarmi, riflettere, pensare e rilassarmi. Le gioie di ciò che la natura mi dona potrebbero essere raggiunte da cose semplici e pure, come occuparmi del mio giardino e ammirare la bellezza dei boccioli in fiore. Vedere le mie piante moltiplicarsi e sbocciare i fiori dà alla mia anima così tanto piacere, e anche vedere le api riunirsi intorno alle mie piante di lavanda mi fa sentire connessa alla terra. Per me il ciclo della vita è così evidente in natura. È dalla terra che scaturiamo e alla terra torniamo. Siamo parte della natura e la natura è parte di noi. Sento profondamente questa connessione quando scavo il terreno per piantare erbe e fiori, l’odore che la terra emette è così piacevole per i miei sensi e ribadisce i miei pensieri sulla connettività con la terra.

Come si fondono nei tuoi quadri gli aspetti intimi e personali delle tue emozioni e il sentimento universale ed eterno della natura?
Si fondono poiché provengono tutti da un’unica fonte, che sono io in quanto essere umano. Credo che i miei dipinti riflettano la totalità di ciò che sono: come amante della natura, come artista poliedrica, come naturalista, come avventuriera, come poetessa, come pensatrice. È attraverso il processo di creazione che il subconscio prende vita e arriva all’opera d’arte. Sento che ogni dipinto è come uno sguardo nel subconscio e ciò che contiene. Per me questo è anche uno dei motivi principali per dipingere è scoprire quella parte cognitiva nascosta di chi sono e permetterle di prendere vita attraverso le arti. Di conseguenza, i dipinti diventano un mélange di sconosciuto e conosciuto insieme alle emozioni e ai sentimenti verso l’ambiente e la natura mescolati.

Ci sono altri artisti nel panorama dell’arte contemporanea che stimi e che consideri affini alla tua poetica?
Sì, ci sono tanti artisti che ammiro e stimo perché considero il loro lavoro poetico e pieno di significato. Ecco alcuni dei miei preferiti. I paesaggi ad acquerello di Anselm Kiefer come “The Evenings of All Days, The Day of All Evenings” (Aller Tage Abend, aller Abende Tag). Mi piace praticamente tutto ciò che viene fatto da Kiefer. Adoro i suoi colori cupi e le sue trame. La serie di dipinti di Richard Diebenkorn ”Ocean Park” che mi ricordano le strade della California e si affacciano sull’oceano attraverso una presa geometrica molto moderna e astratta. La scultura “Spider” di Louise Bourgeois per l’oscurità e l’elemento misterioso. Per me Bourgeois racconta una storia attraverso ogni scultura che ha presentato. I suoi ragni ci sorpassano per taglia, colore e materiale. Sono immensamente forti ma fragili allo stesso tempo. “Orange and Black Wall” di Franz Kline: l’energia che Kline presenta nella maggior parte del suo lavoro è infinitamente bella e audace. Le sue opere infondono forza e fiducia come nessun altro.

Hai esposto i tuoi dipinti in luoghi prestigiosi come la Public Lobby Gallery dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, New York, “Art Basel Miami Beach” Spectrum Miami, 1stdibs Design Center a Chelsea, New York e il LA Art Show, oltre a essere coinvolta in mostre nelle principali città del mondo come New York, Los Angeles, DC, Londra, Roma e Berlino. Quali sono i tuoi piani per il futuro?
Per l’autunno, terrò lezioni online di belle arti per adulti e studenti di tutti i livelli in pittura e disegno nell’area di Washington DC. Per le mie lezioni visita: www.vianborchert.com/classes. Ho appena fatto parte della giuria di una mostra d’arte e ho premiato l’opera vincitrice. Il prossimo inverno esporrò di nuovo a New York al Lichtundfire, da cui sono rappresentata. Attualmente sto lavorando all’opera d’arte che presenterò lì, sarà un mix della mia visione pittorica astratta unita al mio amore per l’architettura e la costruzione. Il lavoro che intendo svelare nella prossima mostra invernale incarnerà il ritmo e il ritmo della città insieme a un’ode a New York come meraviglia architettonica. Attualmente sto esponendo con la FLUX Exhibition con sede a Londra in una mostra virtuale che sarà visibile fino a metà settembre. Per un elenco delle mie mostre attuali e future visita: www.vianborchert.com .

Vian Borchert by her artwork titled “Floating Water Chair”. Photo Credit: Oliver Borchert, courtesy the artist

Vian Borchert, “Misty Waves”, acrylic on canvas, 2020, 61 x 91 cm, ph courtesy the artist

Vian Borchert, “Spectrum”, acrylic on canvas, 2020, 60 x 60 cm, ph courtesy the artist

Vian Borchert, “Distant Lavender Fields”, acrylic on canvas, 2021, 76 x 38 cm, ph courtesy the artist

Vian Borchert, “Imagine Lavender Fields”, acrylic on canvas, 2021, 76 x 38 cm, ph courtesy the artist

Vian Borchert, “Lavender Shadows”, acrylic on canvas, 2021, 76 x 38 cm, ph courtesy the artist


RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.