READING

A Really Good Dictionary of Modern and Contemporar...

A Really Good Dictionary of Modern and Contemporary Art

Stefan Haus (1980, Slavonski Brod) è un autore con sede a Zagabria (Croazia) i cui scritti filosofici e stimolanti suscitano curiosità e incoraggiano ulteriori approfondimenti. Il suo ultimo lavoro A Really Good Dictionary of Modern and Contemporary Art, pubblicato di recente da ;paranoia, è un originale dizionario in cui l’arte è descritta attraverso 500 parole chiave. Il dizionario usa termini sia tipici che atipici per dimostrare la natura riproduttiva dell’arte moderna e contemporanea. Da molti punti di vista, il Dizionario mostra come l’arte degli ultimi 130 anni riproduca la nostra sfortuna nichilista in molte forme: storica, politica, scientifica, culturale e altre. Invece di questo, il Dizionario esorta il lettore a rifiutare tale cattiva riproduzione e dire a tutti che la buona arte non è nel riuscire nelle qualità formali di un’opera, ma piuttosto, è nel provocare la salvezza nello spettatore.

Da dove viene l’idea di questo dizionario e qual è stato il primo nucleo di parole a cui hai pensato?
Diversi anni fa stavo scrivendo un blog sull’arte contemporanea, dove a volte usavo forme di scrittura insolite e persino divertenti, come indovinelli, poesie, interviste fittizie, titoli di articoli mai scritti, ordinanze del tribunale, ecc. Uno di questi post i messaggi erano sotto forma di dizionario, intitolato: A Teaser for a Really Great Dictionary (the letter C). La lettera C è stata scelta casualmente. Il post consisteva in 17 voci, da Capital a Cyber. La lettera C del libro contiene 49 voci, da Camouflage a Cynic. Due anni dopo aver scritto quel post, l’idea mi è tornata sotto forma di un intero libro sull’argomento. Ho controllato alcuni dizionari esistenti sull’argomento, da cui ho tratto alcuni termini più generali e ho ne raccolti altri dalla tradizione filosofica ma anche dalla vita di tutti i giorni. Ho scelto fondamentalmente termini che avrebbero dovuto servire allo scopo del libro in modo provocatorio. Tutti i termini puntano su una cosa e solo su una cosa: il turnover della pratica artistica. Termini, parole, nomi e cose vengono presi troppo alla leggera, troppo democraticamente e con ignoranza, e il libro vuole esercitare una certa pressione sui termini che normalmente usiamo mentre discutiamo, scriviamo o pensiamo all’arte moderna e contemporanea.

Perché nella prefazione dici che il soggetto del libro è il suo nemico?
L’oggetto del libro è la natura riproduttiva dell’arte moderna e contemporanea. Anche quando critica il mondo e i suoi orrori, l’arte li riproduce, li conserva, rendendo il suo pubblico sempre più assuefatto, più addomesticato, più schiavo. Questa riproduzione è il nemico del libro. Il dizionario vuole distruggere questo. Quando dico distruggere, non intendo principalmente o necessariamente la distruzione effettiva delle opere d’arte (anche se vale la pena riflettere, considerando come la comprensione dell’arte si sia trasformata in una perversa adorazione di oggetti, se non in qualcosa di ancora peggio – non è forse la reale comprensione di Malevich, Picasso o Pollock, una ragione sufficiente per non tornare mai più ai loro quadri?). La distruzione che ho in mente è la distruzione delle possibilità di una tale arte. Dopo aver letto il dizionario, spero che il lettore troverà impossibile l’intera storia dell’arte moderna e contemporanea. In realtà, potrebbe essere ancora lì, nei musei o nei libri, ma in sostanza, sarebbe sparita – una volta che il lettore scopre, o in realtà, riscopre che l’essenza dell’arte non è la riproduzione della falsità e della bruttezza, ma la produzione della verità e della bellezza. Per quanto riguarda il nemico, è importante rendersi conto di quanto l’arte non sia una forza al di fuori dall’essere umano. Fa parte della nostra natura umana. Detto questo, il libro mira a distruggere quella parte o quella nostra tendenza, che schiavizza ciò che ci sta di fronte. Proprio come mostra Platone nella Repubblica, ciò che pensiamo sia reale, non è reale. Quindi, il nemico è dentro di noi, e dobbiamo trovare quella libertà in noi stessi per vedere la storia e poterla lasciare indietro.

Il libro compone una narrazione frammentaria dell’arte degli ultimi 130 anni, menziona artisti e movimenti di grande successo con una divertente verve polemica. Quali sono gli esempi positivi da guardare?
Van Gogh è ovviamente un esempio positivo. Anche se rimane discutibile se sia un artista, e se sì, se sia moderno. Voleva essere un predicatore e scrisse a suo fratello che per lui i colori erano sacri. Van Gogh era in realtà un teologo. Ma l’unica cosa positiva che si può trovare nell’arte moderna e contemporanea, sono i capolavori che hanno una tale profondità nascosta, che ci permette di afferrare davvero tutto il peso che c’è sulle nostre spalle. Tirare fuori la positività, per così dire, fuori da tutta la negatività presente, è capire l’arte, capirla davvero. Non sentirlo, non sperimentarlo, non comprarlo, non guardarlo – ma capirlo. L’arte è un varco per una sfera in cui si svolge l’intera vita moderna e contemporanea. Ad esempio, uno degli artisti contemporanei più fraintesi o non capiti che lavorano oggi è Jeff Koons. La gente per lo più pensa che sia kitsch costoso, arte spazzatura decorativa senza alcuna sostanza. Eppure, la mancanza di sostanza è paradossalmente il soggetto sostanziale del suo lavoro. Uno ha bisogno di capire questo. La sua scultura Sacred Heart (della serie Celebration) mostra un cuore avvolto nel cellophane. Per capire questa scultura, per emancipare il proprio sé dai tempi moderni bisogna rendersi conto di cosa sia veramente il cuore e di cosa succede quando un cuore è negato all’aria. Non intendo dal punto di vista medico, ma filosofico. Per gli antichi greci, il cuore era il posto centrale dell’essere umano, che conteneva tutti i nostri poteri, da quelli corporei inferiori a quelli intellettuali più elevati. Inoltre, in senso più ampio e profondo, i filosofi hanno capito che tutto ciò che è vivo (tutto ciò che è) ha un cuore, persino l’Essere stesso. Per non parlare dell’aspetto cristiano, con il Sacro Cuore di Gesù. Voglio dire, cos’è veramente Gesù, qual è il suo cuore? Cosa ci dice la mitologia cristiana metafisicamente? Gesù Cristo (“La Parola divenne carne”), è un mediatore tra un’origine della vita (“Dio”, “Padre”) e la storia, e il mondo. Ciò significa che il Sacro Cuore di Koons sta mostrando o riproducendo come la vivacità di ogni cosa viva (con tutte le sue possibilità e forze) sia intrappolata nella plastica, soffocata. Ancora una volta, l’unica cosa positiva qui è la ricchezza del materiale su cui lavorare. Sarebbe fruttuoso per uno studente di storia dell’arte fare una dissertazione su questa scultura e trattarne tutti i presupposti e le conseguenze.

Cosa ne pensi del cosiddetto “sistema dell’arte” e in che modo credi che condizioni la pratica degli artisti?
Il sistema dell’arte è parte di un sistema più grande, quello di un intero mondo o rete che comprende scienza, tecnologia e capitale. Questo sistema, come dice la parola stessa, mette le cose insieme in un tutto organizzato, in cui ogni cosa o essere è scientificamente conosciuto, prodotto tecnologicamente e al servizio del capitale. L’arte è una parte disciplinata di quel sistema: ha la sua scienza (storia dell’arte), ha la sua tecnologia (sistema di educazione artistica delle accademie d’arte ecc.), E tutto è in vendita, tutto serve per arricchire il capitale: opere d’arte e persone. Pertanto, questo sistema artistico condiziona gli artisti a comportarsi bene: a fare ciò che hanno fatto gli altri prima di loro (anche se a volte sembra una rivoluzione, rompere gli schemi, le avanguardie e così via), per farlo bene e per venderlo. L’arte ufficializzata dalla storia dell’arte moderna e contemporanea, serve il sistema, ne fa parte. D’altra parte, il Dizionario sta cercando di risvegliare all’arte (e all’umanità dietro l’arte) la consapevolezza che potrebbe essere un sistema a sé stante, un’arte che produce qualcosa e non riproduce l’impero del nulla, arte che avrebbe il sapere (scienza) e il mezzo (tecnologia) per produrre ricchezza che non è ricchezza di capitale, ma ricchezza qualitativa nelle vite per tutti. Nel sistema dell’arte che il dizionario ha in mente tutti i membri (artisti, scrittori, direttori di musei, collezionisti, ecc.) servirebbero questo tipo di ricchezza.

In questo libro ho apprezzato molto il punto di vista insolito e laterale, l’idea di descrivere l’arte attraverso parole solitamente non direttamente associate ad essa ma intimamente legate alle ragioni della produzione artistica. Anche se non sono completamente d’accordo con la tesi di base del dizionario – che la missione esclusiva dell’arte sia provocare la redenzione dello spettatore – penso che il testo riprenda sensibilmente le principali istanze del fare arte oggi. Definiresti la tua scrittura come un’operazione artistica o come critica sociale?
Bene, è entrambe, se intendi la critica come produzione. La critica differenzia il bene dal male, il vero dal falso. È un’operazione artistica perché produce artisticamente qualcosa (la necessità di un altro tipo di produzione artistica e produzione di vita), ed è una critica sociale perché differenzia o divide il falso dal vero nelle pratiche d’arte sia individuali che sociali. A proposito di redenzione o salvezza (non solo dello spettatore ma anche dell’artista e di tutti gli altri), devo notare che, come la tradizione da Pindaro e Platone a Nietzsche insegna, si tratta semplicemente di essere ciò che veramente si è – non ciò che non si è, come succede nell’arte moderna e contemporanea da Giacometti e Picasso a Prince e Baselitz: una deturpazione, una copia di una copia o il suo capovolgimento, o se si vuole, un servitore di quel sistema che abbiamo menzionato. La scrittura del Dizionario è una lettera d’amore per il futuro che è sempre stato dietro di noi.

A Really Good Dictionary of Modern and Contemporary Art può essere acquistato qui

Cindy Sherman, Untitled Film Still #21, 1978 Gelatin silver print, 8 x 10 inches, 20.3 x 25.4 cm, (MP# CS–21) Courtesy of the artist and Metro Pictures, New York

Jeff Koons, Sacred Heart (Red/Gold), 1994–2007, mirror-polished stainless steel with transparent color coating, 140 1/2 x 86 x 47 5/8 inches, 356.9 x 218.4 x 120.9 cm © Jeff Koons. Courtesy Gagosian

Santiago Sierra, NO, GLOBAL TOUR, Several locations. Starts Lucca, Italy. July 2009 Courtesy Studio Santiago Sierra

Tehching Hsieh, One Year Performance 1981-1982, Life image ©Tehching Hsieh Courtesy: the artist and Sean Kelly, New York

Paul McCarthy, Train, Mechanical, 2003-2009 Steel, platinum silicone, fiberglass, rope, electrical and mechanical components, 276.9 x 152.4 x 566.4 cm / 109 x 60 x 223 in © Paul McCarthy Courtesy the artist and Hauser & Wirth Photo: Fredrik Nilsen

image_pdfimage_print

RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.