In conversazione con Carrie Able

Incontriamo l’artista statunitense multidisciplinare Carrie Able, esponente della nuova frontiera digitale e degli NFT, presente con la mostra multimediale DALL’ANIMA nel contesto di Personal Structures: Reflections, progetto organizzato dall’European Cultural Centre, presso Palazzo Bembo a Venezia. Attraverso la sperimentazione, l’artista discute della sua pratica, che integra arti performative, olografiche, musicali, digitali, realtà virtuale, realtà aumentata, realtà estesa, cryptovaluta e app, in maniera olistica rispetto ai medium tradizionali.

Sara Buoso: Ho avuto il piacere di visitare la mostra DALL’ANIMA all’European Cultural Centre, presso Palazzo Bembo a Venezia, vorresti introdurci alla mostra?
Carrie Able: DALL’ANIMA è una mostra in cui ho messo tutta la mia creatività per oltre due anni. Sono lieta di essere stata invitata a partecipare da Sara Danieli, curatrice all’ECC. Inoltre, sono grata di essermi affidata a Sam Light, che ha curato la mostra. Nonostante siano presenti elementi più vicini ai media tradizionali, nel suo complesso, la mostra presenta una componente di realtà aumentata. I dipinti a olio hanno un dispositivo di AR e funzionano con un’app personalizzata, dove le figure e i campi di colore prendono vita. Vi è poi un dipinto di realtà virtuale completamente immersivo, visualizzabile su uno schermo di realtà virtuale e supportato da documentazione video VR. Le sculture appese al soffitto sono invece state create mentre indossavo un sensore VR e scolpivo a mezz’aria, poi stampate in 3D. C’è anche un’esposizione olografica di sei delle mie canzoni originali eseguite con il coreografo Pink Supakarn Niruktisart e la ballerina Kate Griffler. Tutti questi elementi si riferiscono alle nozioni della gioia e del dolore dell’esperienza umana. Su un muro sono infine stampati i testi di una delle mie canzoni:
It was within the cage of my own body…
I taught my mind it was free…
Steps I may not walk…
But miles I run…
Preparing for flight…
Through the prison of physical weakness…
My strengths were born…
And I fly without ever leaving the ground…

Puoi raccontarci del tuo background e, in particolare, del momento epifanico in cui hai riconosciuto la necessità di sperimentare con questi nuovi linguaggi?
Il 2016 è stato un momento cruciale per me, dove sono successe tre cose. In primo luogo, ho tenuto una mostra personale a Soho, New York, dove ho presentato il mio primo corpo di dipinti a cui non facevo riferimento a nulla in precedenza, quasi come se queste opere stessero visualizzando un flusso di coscienza surreale. In secondo luogo, quell’anno ho visto per la prima volta la realtà virtuale come un’arte, grazie alla mostra Dreams of Dalì. Sono rimasta affascinata da questo mezzo: non stavo solo guardando un dipinto, ma ero nel dipinto. Con questo interesse ho iniziato a lavorare con tale tecnologia, ed è successo che mi è stata offerta una residenza in uno studio di realtà virtuale. Terzo fatto: quello stesso anno ho iniziato a scrivere musica e canzoni, collaborando con persone che conoscevano la tecnica musicale molto più di me e questo mi ha permesso di mettere in discussione tutto ciò che mi è stato insegnato anche sull’arte visiva. Ho iniziato a scrivere musica e mi sono resa conto che la mia mancanza di educazione rispetto questi media poteva effettivamente essere benefica per la creatività. Forte di tutte queste cose, ho iniziato a lavorare con la realtà virtuale regolarmente dal 2017, quando ancora aveva senso spingere tutto e vedere questo tutto poteva combaciare: pittura tradizionale, tecnologia della realtà virtuale e musica originale. La mia carriera, tuttavia, è iniziata con le arti visive all’età di 14 anni. Ho avuto una vasta formazione nelle tecniche tradizionali dei maestri rinascimentali dal mio mentore Leslie Adams. Ho spinto questo media fino alla sperimentazione sviluppando un vantaggio più surreale pur includendo sempre la figurazione.

Qual è la tua personale definizione del “Metaverso”? Quale il potenziale di affrontare questa dimensione?
Esistono molte false dichiarazioni rilasciate dai media. Il Metaverso è un’estensione di Internet, sperimentata in interazioni volumetriche in tempo reale. Il termine “Metaverso” è stato coniato per la prima volta dal romanziere di fantascienza americano Neal Stephenson in Snow Crash nel 1992. Trovo che il modo migliore per sperimentarlo sia attraverso gli occhiali per realtà estesa (XR). Proprio come Internet non è gestito da nessuna persona o azienda ed esiste in una forma singolare, lo stesso vale per il Metaverso. Abbiamo diversi mondi virtuali nello stesso modo in cui abbiamo diversi siti web. Nel prossimo futuro, gli occhiali indossabili saranno onnipresenti come gli smartphone, ed è allora che diventeranno davvero mainstream.

Puoi dirci in che modo la tua ricerca artistica può differire o meno da pratiche dalla tradizione? Ad esempio, come conduci la tua pratica quotidiana?
Dedico ogni giorno un tempo creativo specifico alla creazione senza aspettative ed è lì che accade la magia. La sinestesia, che mi appartiene, alimenta la mia pratica multidisciplinare. Quando lavoro con un campo così nuovo, spesso cerco di capire perché sto cercando di fare qualcosa che non è stato fatto prima. È simile a qualsiasi altro media in quanto sento che devo esplorare senza aspettative finché non diventa intuitivo. Quindi puoi creare senza pensarci troppo in modo trascendentale. Quando discutiamo di pittura tradizionale, ci aspettiamo qualcosa che sia stazionario e che esista solo nel visivo. Ma penso che nel futuro, gli artisti che utilizzano i nuovi media saranno considerati più come costruttori di mondi. Queste classificazioni inizieranno a dissolversi per creare una realtà estesa. In questo senso, arte, musica e tutti i generi continueranno a essere sempre più fusi, e questo favorirà anche più collaborazioni.

Sono interessata alla tua sperimentazione con nuovi materiali, come la pittura digitale, la scultura 3D e l’olografia. Cosa ti ha spinto a selezionare questi materiali e perché?
Penso che le caratteristiche più interessanti di questo processo creativo siano la capacità di dipingere con la luce e la capacità di creare senza gravità e con scala intercambiabile, ma anche la possibilità di incorporare molti media diversi all’interno di un’opera. Inizialmente sono stata attratta anche dalla sperimentazione con i media nativi digitali per via della possibilità di inclusione e accessibilità, sia per i creatori, sia per gli espositori. Attraverso questa tecnologia, ho la capacità di produrre lavoro e di mostrarlo, comunicando idee a persone in tutto il mondo. Credo che mezzi come la musica e l’arte digitale consentano alle persone di visualizzare le opere nel modo in cui gli artisti intendevano.

Traendo spunto dal titolo DALL’ANIMA per la tua mostra, sembri suggerire un approccio animistico, quasi spirituale, alle nuove tecnologie. Puoi dirci qualcosa a riguardo?
Per quanto riguarda il titolo, volevo creare un’analogia tra scienza e tecnologia. Per me la scienza è molto spirituale. Ci sono infinite possibilità, siano esse trascendentali, o legate al potere di connessione, o anche più evolutive per l’esperienza umana. A differenza degli ultimi vent’anni, quando le pratiche digitali stavano isolando, il movimento Web3 è più basato sulla comunità, rispettoso e incoraggiante per gli artisti con pratiche native digitali. Il titolo mi è venuto in mente mentre creavo in un flusso di coscienza, in maniera empatica, sentendo l’esaltazione e l’angoscia dei miei simili. Inoltre, ho scelto di avere il titolo in italiano per rendere onore alle arti e alla storia di Venezia.

Sei rappresentata dalla piattaforma Nifty Gateway, puoi spiegare in che modo gli NFT giocano un ruolo nella tua pratica creativa?
Ho avuto un’esperienza straordinaria con questa piattaforma: promuovono una squadra meravigliosa e collezionisti devoti, e apprezzo la loro attenzione per l’arte. Sto lavorando a un altro progetto con loro, in uscita il 26 luglio. Un tratto fantastico della loro piattaforma è la possibilità per i collezionisti di acquistare utilizzando USD, rendendo il sito più user friendly. Gli NFT sono stati un argomento molto divisivo per le persone di recente, ma alla fine diverranno qualcosa di perfettamente integrato. L’unico aspetto che le persone devono capire su questo argomento è credere nella scarsità del digitale. La cosa più rivoluzionaria è che l’arte digitale può avere lo stesso rispetto di altri mezzi a causa del nuovo rispetto per la scarsità del digitale e della capacità incorporata degli NFT per le royalties di rivendita. Un momento cruciale della storia in questo momento.

Il tuo lavoro suggerisce un’esperienza che non si limita alle forme di interazione e immersione, ma si estende verso qualcosa di vicino al potere delle relazioni e dell’immaginazione. Come descriveresti la prossima frontiera dell’esperienza artistica?
Sono completamente d’accordo con quanto hai detto, il potere dell’immaginazione e della connessione sono così importanti e la tecnologia come veicolo è davvero solo un facilitatore. Sta ancora a noi umani creare un’arte che trascende. La prossima frontiera su cui mi concentrerò sarà sicuramente un’estensione di tutto in questa mostra. Sto lavorando con uno dei miei mondi virtuali preferiti nel Metaverso per portare tutto ciò che ho fatto nella vita reale in quella digitale, e sto anche continuando a sviluppare la mia app personalizzata, che ha anche esperienze AR e VR, ma anche un pulsante interattivo di poesia. Ci sarà inclusione e accessibilità per le persone che non sono in grado di accedere a mondi virtuali completamente immersivi, e potranno comunque interagire con la mia arte su un’app personalizzata gratuita, che può essere scaricata nell’Apple App Store cercando Carrie Able Art. In tutto il mio lavoro, cerco di ispirare futuri artisti e tecnologi creativi a capire che queste due comunità sono incredibilmente connesse.

Sara Buoso

Info:

Carrie Able, DALL’ANIMA
23/04/2022 – 27/11/2022
Personal Structures: Reflections
European Cultural Centre
Palazzo Bembo
Riva del Carbon 30124 Venezia
http://carrieable.com/
http://carrieable.com/app

Carrie Able, ritratto. Ph. Brendan Jay Sullivan

Carrie Able, Dall’Anima La Pittura #1-8, 2021. Ph. Beata Mamrol, courtesy l’artista

Carrie Able, Dall’Anima Figura Volante #1-3, 2022. Ph. Beata Mamrol, courtesy l’artista

Carrie Able, Dall’Anima Immersivo “Embers”, immagine presa dai Virtual Reality Digital Painting, 2022. Courtesy l’artista

Carrie Able, Dall’Anima Immersivo “Embers”, immagine presa dai Virtual Reality Digital Painting, 2022. Courtesy l’artista

Carrie Able, Dall’Anima Immersivo “Embers”, immagine presa dai Virtual Reality Digital Painting, 2022. Courtesy l’artista

Carrie Able Dall’Anima La Pittura #7, #5 (Augmented Reality View via Custom App), Ph. Beata Mamrol, courtesy l’artista


RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.