READING

Dove si può guardare il mare: la nuova mostra di P...

Dove si può guardare il mare: la nuova mostra di Piero Guccione

“Sono un uomo che ha bisogno di guardare il mare, con la memoria, guardarlo avendolo lì a un passo, come lo avevo certamente guardato da bambino”, svelava nel 1983 Piero Guccione (Scicli, 1935 – Modica, 2018) a Giorgio Soavi, un critico che, da subito, riconobbe le doti poetiche della sua arte. Dopo essere stato insignito di numerosi riconoscimenti e premi (Nel 1970 Guccione realizzava il dipinto Le linee del mare e della  terra, ,finalista nel 1988 al premio Artista dell’Anno, promosso da 120 critici italiani, a Napoli,  nominato nel 1995  Accademico di San Luca) e aver collaborato con artisti del calibro di Sonia Alvarez e Franco Sarnari, torna oggi la prima retrospettiva post mortem dedicata a lui: Piero Guccione. La pittura come il mare, organizzata al Museo d’Arte di Mendrisio.

Un catalogo di 120 pagine documenta con fotografie e schede tutte le opere in mostra, introdotte dai contributi di studiosi e seguite da apparati riportanti una bibliografia scelta e una selezione delle esposizioni. Una mostra incantevole per ricordare un grande artista italiano. Le 56 opere in mostra, tra oli e pastelli, realizzati dal 1970 fino al 2008, sono un declinarsi di luci e ombre nelle quali la presenza dell’uomo è assente, ma percepibile. Paragone intrinseco nelle sue parole, anche se mai pienamente evidente, è il piano della tela rispetto a quello del mare; se la prima è una superficie palpitante in attesa di essere ondeggiata di sprazzi di colore, il secondo è movimento impercettibile di spazio e tempo, in un moto di tumultuosa serenità.

Un esempio lampante della sua personale interpretazione del mare è il dipinto “Mare a punta corvo” (1995-2000): la superficie è striata di lievi increspature, non è chiaro se sia il mare a riflettere le sfumature del cielo o viceversa, i chiari sono limpidi e assorbiti nel suo silente clamore. La dimensione della luce s’incontra e si scontra con le differenti tonalità di azzurro, in una relazione che sa di pura perversione del colore: “Mi attira l’assoluta immobilità del mare, che però è costantemente in movimento” affermava Guccione, affrontando quotidianamente una sfida oltre i confini della sua stessa visione del mare. La rarefazione è il punto chiave delle sue ultime opere: vi è uno strabiliante senso di vuoto a far sì che lo spettatore sia sospeso in bilico tra concretezza ed astrazione.

Egli si riconosceva pittore in una tradizione radicata nel dato realistico e figurativo: “La mia pittura oggi va verso un’idea di piattezza che contenga l’assoluto, tra il mare e il cielo, dove quasi il colore è abolito, lo spazio pure. Insomma, una sorta di piattezza, che però, in qualche modo, contenga un dato di assolutezza, di una cosa che assomiglia a niente e che assomiglia a tutto”. È la sua stessa pittura a contenere contraddizioni intrinseche nel suo concepimento, è essa stessa un ossimoro; ciò che Guccione ha ricercato spasmodicamente, difatti, è stata una forma di realtà estremamente personale, racchiusa nelle astrazioni che pervadevano il suo essere. Persino lo scrittore Alberto Moravia ne colse bene l’essenza: “Piero Guccione non illustra figure e situazioni, ma cerca anzi di ridurre il più possibile il riferimento illustrativo… si è messo fuori dalla storia, si è tenuto alla passione che è di tutti i tempi e di tutti i luoghi e a quella soltanto”. Dunque, cogliere le unicità di Piero Guccione significa osservare, a lungo, le sue creazioni; proprio perché, attraverso la sua prole artistica, è riuscito a raccontare chi fosse davvero.

Carlotta Casolaro

Info:

Piero Guccione. La pittura come il mare
7 aprile – 30 giugno 2019
Museo d’arte di Mendrisio
Piazzetta dei Serviti 1
CH – 6850 Mendrisio

Ritratto di Piero Guccione

Piero GuccionePiero Guccione, Il nero e l’azzurro (cat. 27) 2003 olio su tela 150 x 276 cm Senato della Repubblica Italiana
Museo d’arte, Mendrisio Foto Cosimo Filippini 2019

Piero Guccione, La linea azzurra (cat. 31) 2006-2007 olio su tela 81 x 111 Collezione privata
Museo d’arte, Mendrisio Foto Cosimo Filippini 2019


RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.