Franz Gertsch a Linz

LENTOS Kunstmuseum Linz ospita fino al 21 febbraio 2021 la mostra del pittore svizzero Luciano Castelli (uno dei rappresentanti del cosiddetto ritorno alla pittura negli anni Ottanta) in parallelo a una grande mostra dedicata al lavoro  di Franz Gertsch, un autore forse più significativo e comunque appartenente a una generazione precedente, ma sempre svizzero e di sicura fama internazionale.

I dipinti monumentali qui esposti si riferiscono soprattutto al periodo dell’emergere di Gertsch sulla scena artistica internazionale nei primissimi anni Settanta, all’interno di quella corrente che poi è stata definita dell’Iperrealismo. L’autore ha avuto il suo apice internazionale come esponente svizzero del realismo pittorico/fotografico alla documenta di Kassel (Germania) nel 1972, dopo aver scoperto il mezzo fotografico come base di partenza (cioè disegno e traccia e forma e configurazione e proporzioni e insieme complessivo delle figure) del suo lavoro pittorico solo tre anni prima. Da allora, le fotografie – di solito scattate da lui, come peraltro per molti dei ritratti realizzati su commissione da Andy Warhol – hanno costituito il punto di partenza del suo lavoro creativo che poi veniva traslato nella pittura meticolosa e per davvero trompe l’oeil ovvero del tutto ingannevole. Certo, si tratta di un tipo di lavoro che avrebbe fatto inorridire sia Platone e sia Aristotele e di certo l’autore non avrebbe potuto far parte della città ideale, ma si sa, in qualche modo ci pare lecito affermare che la pittura di Gertsch è figlia della pubblicità più smaccata, dei rotocalchi patinati e di quel mondo edulcorato che sarebbe stato impensabile nella Grecia classica.

L’effetto del tutto verosimile della sua pittura, per intero davvero vibrante e coinvolgente, è dovuto non da ultimo al lungo processo creativo. La lentezza conduce alla cura del dettaglio e in Gertsch i dettagli non mancano. Qui siamo ben lontani dalla stesura pittorica operata da Alex Katz (del tutto sintetica e appiattita), sebbene senza dirlo questo autore statunitense sia debitore di quegli anni “ruggenti”, anni che sul medesimo orizzonte hanno visto anche l’affermarsi di autori come Chuck Close e John De Andrea. Certo, Gertsch non possiamo pensarlo come uno che fa denuncia sociale, né come uno che pensa ai dolori del mondo; il suo è una semplice maniera di procedere nel mondo, passo dopo passo, sguardo dopo sguardo, per riprenderlo e fissarlo in un attimo di eternità, quell’eternità a cui tutti (i privilegiati?) dovrebbero avere diritto.

Questo progetto (che ha visto una costruttiva collaborazione tra il Museo Franz Gertsch di Burgdorf e il LENTOS Kunstmuseum Linz)
si basa su un’idea di Angelika Affentranger-Kirchrath e il coordinamento organizzativo di Elisabeth Nowak-Thaller.

La mostra è accompagnata da un catalogo edito da Hatje Cantz Verlag con numerose illustrazioni e saggi in tedesco e inglese, 208 pagine, 44 euro. Il catalogo è disponibile nel Lentos Shop oppure online (www.lentos.at/shop). La mostra è sostenuta da Raiffeisen Landesbank Oberösterreich.

In conclusione non possiamo che inviare tantissimi auguri a Franz Gertsch che nell’occasione di questa mostra ha festeggiato i suoi novant’anni di età.

Info:

FRANZ GERTSCH. “The Seventies”
dal 30/10/2020 al 21/02/2021
LENTOS Kunstmuseum Linz
Ernst-Koref-Promenade 1
info@mag.linz.at

Franz Gertsch, Saintes Marie de la Mer III, 1972. In prestito permanente LENTOS Kunstmuseum Linz, collezione privata © Franz Gertsch, foto: Dominique Uldry, Berna, courtesy Lentos Kunstmuseum

Franz Gertsch, Medici, 1971/1972, Ludwig Forum für Internationale Kunst, Aquisgrana, in prestito dalla Fondazione Peter e Irene Ludwig © Franz Gertsch, foto: Dominique Uldry, Berna, courtesy Lentos Kunstmuseum

Vista della mostra “Franz Gertsch. The Seventies” al LENTOS Kunstmuseum Linz, 2020. Foto maschekS, courtesy Lentos Kunstmuseum


RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.