READING

“Zouwu”, Helena Hladilová: il ruolo del racconto...

“Zouwu”, Helena Hladilová: il ruolo del racconto

La mostra Zouwu è la prima personale di Helena Hladilová presso la galleria SpazioA di Pistoia. Inaugurato lo scorso 29 gennaio 2022, il progetto espositivo testimonia una visione nuova, rinnovata e lungimirante nella pratica dell’artista, dettando inediti ritmi, narrazioni ed esiti. L’esposizione sarà visitabile fino al 12 marzo 2022.

L’occhio dell’artista Hladilová ricerca attorno a sé elementi e oggetti che esistono nel mondo in maniera spontanea, per dedicarvi una prassi di riarrangiamento, impiegando una metodologia piuttosto diretta e oggettuale. Come spesso accade, particolari fasi e vicende biografie determinano un cambiamento nell’approccio al contesto in cui si è immersi, delineando un percorso fatto di consapevolezze prima sconosciute e originali punti di vista che si fanno protagonisti. La maternità dell’artista e un conseguente periodo di pausa dalla concreta produzione di opere sviluppano una lente orientata verso la sfera interiore dell’umano, specificatamente rivolta all’universo fantastico e meraviglioso della mente dei bambini. Queste creature, organismi naturali a tutti gli effetti, divengono il filtro di una poetica rinnovata, concentrata sui soggetti e su un lavoro che si trasforma inevitabilmente in un processo maggiormente manuale.

Hladilová considera sé stessa come generatrice di vita e decide di presentare al pubblico il dialogo che quotidianamente intesse con coloro che lei stessa ha messo al mondo: l’appuntamento con le favole della buonanotte, che da madre inventa per i propri figli, si riverbera a livello tematico nelle opere qui presentate e in una prospettiva più ampia sulla propria immaginazione. Nell’infanzia la semplicità con cui si trovano soluzioni e adattamenti alle circostanze è istintiva, mentre nella vita adulta, intellettuali, e non, hanno sottolineato l’importanza di un ritorno a un pensiero scardinato da troppe sovrastrutture, che con il tempo vengono assimilate.

L’artista muove così i propri passi in una terra di confine, un solco liminale fra immaginario e reale, comprendendo di dover porre una giusta distanza nel proporre una pagina della propria storia personale a una vasta platea. I soggetti raffigurati e provenienti dalle storie narrate vengono infatti inizialmente ricercati in 3D. Si tratta di file digitali che giungono in formato di istruzioni a una macchina dotata di braccia robotiche e destinata alla lavorazione del marmo. Questa sarà votata alla realizzazione di un’iniziale sbozzatura, alla quale seguirà una fase di lavoro manuale e creativo deputata all’artista, che adesso non relega più il suo stupore di scoperta a ciò che il mondo le consegna a seguito di processi millenari, ma all’unione di fantasia del racconto e strabilianti progressi compiuti dalla tecnologia.

Helena Hladilová riunisce in questa mostra opere che spaziano da bassorilievi composti da marmi e pietre di variegate tipologie, su cui spesso interviene col colore tramite l’acquerello, fino a sperimentazioni con bronzo e tavolette d’ardesia. Questa molteplicità di materiali, talvolta isolati, altre spinti a incontrarsi e contaminarsi fra loro, si snoda nello spazio espositivo in quello che è definibile con un ossimoro un vero e proprio ordine caotico. Posizionate a diverse altezze, queste opere sembrano seguire le trame di un racconto infantile, laddove le coordinate spazio-temporali si infittiscono e ingarbugliano e la metamorfosi è una costante. La narrazione risucchia nel suo gorgo di meraviglia, a tratti primordiale, lo spettatore, che si ritrova a inseguire il filo della storia delle illustrazioni che Hladilová ci mette sul cammino e che frammentano l’incedere con la ripetuta apertura di nuove finestre. Al tempo stesso le medesime trame ci obbligano a proseguire incalzati da una voglia di scoperta e curiosità.

I soggetti raffigurati, dai tratti fiabeschi e mostruosi, attingono dalle storie del folklore popolare, richiamate dai titoli stessi. Il momento quasi sacro e rituale delle storie della buonanotte è esaltato dall’artista come necessario alla vita del bambino e dell’adulto: un momento propiziatorio alle paure, le angosce, i lati oscuri che il mondo presenta ogni giorno, che vengono in tal modo esorcizzati e affrontati, delineando, grazie alla loro proiezione in un luogo al di fuori dalle coordinate terrestri, scale di valore contemporanee. L’ibridazione e la diversità sono i cardini di questa narrazione, che ci parla di adattamento e mutazione, di riconfigurazione e rinascita, come la stessa Hladilová che unisce il suo doppio ruolo sociale di madre e di artista. I messaggi coadiuvati nel progetto, pur partendo da una sfera apparentemente superficiale, esaminano dinamiche eternamente attuali ed essenziali, quali quella domestica e lavorativa, i loro bilanciamenti e gli auspicati orizzonti di parità dell’epoca che stiamo vivendo.

A livello estetico, l’artista sfoggia una gamma cromatica accattivante tanto nei toni pastello, quanto in quelli più scuri e “spaventosi”. Presenta inoltre un particolare impossibile da non notare: in alcuni bassorilievi, l’intercapedine fra la scultura e il muro che la sorregge, è abitata da piccoli dettagli di creature, come zampe o code, che non solo hanno la funzione pratica di sostenere in maniera eretta l’opera, ma aggiungono un tocco di sorpresa e di inaspettato.

Il futuro di questa poetica affascina sicuramente, e viene da chiedersi quali coniugazioni potrà avere questo alfabeto descrittivo, e come l’artista riuscirà, nelle prossime mostre, a collegare altre storie a nuovi materiali.

Caterina Fondelli

Info:

Helena Hladilová, Zouwu
29/01/2022 – 12/03/2022
SpazioA – via Amati 13, Pistoia
@spazioa_pistoia
orario di apertura:
da martedì a sabato
11.00 – 14.00 / 15.00 – 19.00
(o su appuntamento)

Helena Hladilová, Lelapo, 2021. Marmo bianco di Carrara e acquerello, cm 18,5 x 26 x 3. Courtesy SpazioA, ph. Camilla Maria Santini

Helena Hladilová, Prach a broky, 2022. Granito, bronzo, cm 12 x 253 x 7, dettaglio. Courtesy SpazioA, ph. Camilla Maria Santini

Helena Hladilová, Bilikú, 2022. Marmo Alabastro, Travertino, bronzo e acquerello, cm 45 x 43 x 9. Courtesy SpazioA, ph. Camilla Maria Santini

Helena Hladilová, Tanuki, 2021. Marmo bianco di Carrara, Moresco e acquerello, cm 37.5 x 55.5 x 9. Courtesy SpazioA, ph. Camilla Maria Santini


RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.